Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
tmw radio

Lippi: "Barella l'azzurro più forte. Juve? Tante critiche ma è in corsa per tutto"

TMW RADIO - Lippi: "Barella l'azzurro più forte. Juve? Tante critiche ma è in corsa per tutto"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Andrea Piras
mercoledì 24 febbraio 2021 16:35Altre Notizie
di TMWRadio Redazione

Ospiti: Marcello Lippi e Mario Sconcerti - Maracanà con Marco Piccari e Cinzia Santangeli

A Maracanà, nel pomeriggio di TMW Radio, è intervenuto l'ex ct azzurro Marcello Lippi per parlare dei temi del momento.

Che calcio vede ora?
"Il calcio senza pubblico non può essere bellissimo, questo è scontato, ma almeno abbiamo un calcio da guardare. E' un calcio condizionato da quello scorso, finito in ritardo. Tante partite e squadra poco allenate, e se ne vedono el conseguenze. Chi ha le rose più lunghe e forti sono avvantaggiate. Non è un brutto calcio, ci sono delle conferme di squadre come Milan e Inter, c'è la conferma che le squadre minori, se hanno una possibilità di competere con le big, devono giocare un calcio diverso, propositivo".

Si parla di una Nazionale in crescita ma forte. Qual è la sua impressione?
"E' buona. Mancini è stato molto bravo in un contesto di grande difficoltà. Io potevo scegliere su un bacino di oltre 65% di calciatori itaiani, oggi la situazione in Serie A si è ribaltata. Ha dato fiducia a tanti giovani, vedi Zaniolo, che non aveva esordito neanche in squadra, lanciando un segnale importante ai club di far giocare questi talenti. E' una squadra che gioca un bel calcio e fa sperare".

Bayern, ieri in campo un 17ene. Noi fatichiamo a dare fiducia ai giovani:
"Far esordire un giovane in una squadra campione del mondo è più semplice che in altre squadre, che stanno cercando ancora la loro dimensione".

Tre giovani di grandi speranze?
"Barella è il più forte di tutti in questo momento, è un dei più forti centrocampisti al mondo. Mi piace molto anche Pessina, per il quale l'Atalanta ha deciso di privarsi di uno come Gomez che ha fatto la storia del club".

Italia che fatica in Europa con i club. Cosa ci manca?
"Il Bayern è la più forte squadra al mondo, ha una grande mentalità. Ci manca un po'di qualità. Abbiamo squadre cresciute molto come l'Inter, che non è la stessa di qualche mese fa, così come il Milan. L'Atalanta si sta confermando anche a livello internazionale, la Juventus sta vivendo un momento particolare con un nuovo tecnico che ha dovuto fare le verifiche sul campo e non in amichevole. Ad oggi la più forte in Italia è l'Inter, ma è uscita dalle coppe. Al momento in Italia non c'è una squadra forte a livello europeo".

Campionato finito, con l'Inter ora in testa?
"Assolutamente no. E' la più continua, è vero, però manca ancora un bel po'. C'è da considerare che essendo fuori dalle coppe, l'Inter può dedicare la sua preparazione solo al campionato e questo è un vantaggio".

E la Juventus?
"Ho sentito tante critiche, c'è un processo di rinnovamento, ma sono dentro a tutto. Sono in finale di Coppa Italia, sono in corsa in Champions, credo che passeranno il turno col Porto, e poi in campionato se vince il recupero col Napoli può sperare ancora".

Quali i difetti?
"Tanti giocatori nuovi, non di primissima qualità soprattutto in certe zone del campo. Manca un giocatore di classe come Dybala ma è sempre dentro in tutte le competizioni".

Come valuta Lukaku?
"E' fortissimo. A parte i gol fatti, permette all'Inter di giocare in tante maniere diverse. Le squadre di Conte pressano molto, ma è anche fortissima quando gli avversari concedono gli spazi. Lukaku e Lautaro negli spazi sono micidiali, così come Hakimi. L'Inter ora gioca con una convinzione e autostima che gli permette di essere più spregiudicata".

Dovesse allenare domani, che schema userebbe?
"Credo che il modulo è sempre in base ai giocatori che si hanno. Ci sono giocatori che insistono a giocare in una certa maniera pur non avendo i giocatori adatti".

Quale il tecnico che le piace di più?
"Italiano dello Spezia, ha organizzato una squadra improvvisata, non hanno avuto neanche tempo di fare la squadra per la A e gioca con un'autorità e sicurezza che sono difficili da vedere in una neopromossa. E poi Juric del Verona, che ha fatto benissimo lo scorso anno hanno venduto molto ma con i nuovi sta facendo comunque un grande lavoro".

Come valuta il lavoro di Gasperini all'Atalanta?
"Per come sta lavorando da 5 anni a questa parte è solo da prendere come esempio. E' la squadra che gioca il calcio più internazionale in Italia".

Che ne pensa del caso Ibra-Sanremo?
"E' abbastanza curioso che una squadra che si sta giocando lo Scudetto permetta una situazione simile".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000