Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, è addio con Ganz: risultati e gestione dello spogliatoio i nodi mai sciolti

Milan, è addio con Ganz: risultati e gestione dello spogliatoio i nodi mai scioltiTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 21 novembre 2023, 09:00Calcio femminile
di Tommaso Maschio

Alla fine Maurizio Ganz non ha resistito e ha salutato la panchina di quel Milan dove era approdato nel 2019 con l’obiettivo di lottare per inserirsi nei primi due posti, obiettivo raggiunto al secondo anno, quando conquistò anche la finale di Coppa Italia, ma poi smarrito di fronte alla conferma della Juventus e alla crescita della Roma che ha progressivamente sostituito il club rossonero come rivale delle bianconere arrivando anche a strapparle il titolo.

Solo quest’anno, in queste prime otto partite, c’è stato un vero e proprio tracollo di risultati con il sesto posto, fuori dalla Poule Scudetto, con già quattro punti di distacco dalle cugine dell’Inter e dal sorprendente Como di questo inizio anno. Ma a pesare potrebbero essere altri fattori, su tutti la gestione dello spogliatoio.

Una gestione che non ha mai convinto e che è esplosa nel gennaio 2022 con due addii pesanti come quelli di Valentina Giacinti e Vero Boquete, che ieri hanno festeggiato l’esonero dell’ex nemico, diventate presto colonne rispettivamente della Roma scudettata e di una rinata Fiorentina. Un addio traumatico e mai assorbito completamente come dimostrano i risultati degli ultimi tempi. E ora che Ganz non è più sulla panchina in molti sognano un grande ritorno dell’ex capitana che sembrava dovesse segnare un’epoca in rossonero.

La scelta di affidare la panchina a Davide Corti, promosso dalla Primavera, sembra essere una scommessa che guarda più al futuro che al presente. Traghettare la squadra fra le prime cinque in questa stagione, porre le basi per il futuro e poi si vedrà. Con nella prossima estate la possibilità, se non avrà convinto, di puntare forte su un profilo importante per rilanciare le ambizioni del club.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile