Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

WCL, Gunnarsdottir lancia la Juventus contro il Koge: 1-0 al 45' e fase a gironi più vicina

WCL, Gunnarsdottir lancia la Juventus contro il Koge: 1-0 al 45' e fase a gironi più vicina
mercoledì 28 settembre 2022, 21:19Calcio femminile
di Tommaso Maschio

Un gol della neo arrivata Sara Bjork Gunnarsdottir dopo dieci minuti di gioco permette alla Juventus di chiudere in vantaggio il primo tempo della sfida contro il Koge e avvicinare la qualificazione alla fase a gironi di Women's Champions League.

Come in Danimarca nell’andata è la Juventus a fare la gara con le scandinave a chiudersi dietro per poi ripartire cercando anche di giocare con il cronometro, ma diversamente da sette giorni fa la squadra bianconera affonda subito il colpo. Dopo dieci minuti di totale dominio delle padrone di casa infatti Boattin mette in mezzo un pallone perfetto su cui Gunnarsdottir svetta su tutte colpendo di testa e mettendo in fondo al sacco il pallone per l’1-0. Un gol che sblocca anche mentalmente la squadra di Montemurro che spinge subito sull’acceleratore alla caccia di un raddoppio che chiuderebbe il discorso qualificazione con Grosso che impegna al quarto d’ora di gioco Skiba. Si sveglia anche il Koge che prova a creare problemi alla retroguardia di casa con le accelerazioni di Carusa e le palle inattive, senza però arrivare a impegnare Peyraud-Magnin. Il finale di prima frazione si gioca su buoni ritmi con la Juventus che continua ad avere in mano il pallino del gioco, ma sbatte spesso sulla retroguardia danese che comunque non è esente da errori soprattutto in fase di disimpegno. È ancora Gunnarsdottir, al 35’, a far correre un brivido sulla schiena delle avversarie con un destro dal limite che finisce però alto.

Primo piano
TMW Radio Sport