Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Una bella cartolina da San Siro… Simone Inzaghi zittisce tutti! Bonucci sei sicuro?

Una bella cartolina da San Siro… Simone Inzaghi zittisce tutti! Bonucci sei sicuro?TUTTO mercato WEB
mercoledì 17 maggio 2023, 06:00L'Angolo di Calcio2000
di Fabrizio Ponciroli

Onore al calcio milanese. Indimenticabile la cartolina di San Siro del secondo Euroderby. Una coreografia mozzafiato che conferma, se mai ce ne fosse stato bisogno, il fascino di un impianto unico nel suo genere. Bellissimo vedere il Meazza avvolto in un’opera d’arte (perché di tale si è trattato) che ha emozionato tutti quanti. Il biglietto da visita migliore per ricordare, al mondo intero, che l’Italia vive di e per il calcio. La Premier League sarà più ricca, la Liga più talentuosa ma, da noi, c’è una passione speciale… Non so quale sarà il futuro di San Siro ma mi auguro che, per tutto quello che ha rappresentato, gli venga data l’opportunità di continuare ad essere al servizio del grande calcio. Poi, ovviamente, c’è stata la partita… Il Milan ci ha provato ma l’Inter ha confermato di avere qualcosa in più. Dopo la vittoria all’andata, anche il successo al ritorno: tre gol fatti e nessuno subito. Passaggio del turno meritatissimo. Per il Diavolo una mazzata sui denti, per l’Inter un risultato eccezionale. Doverosi i complimenti al club nerazzurro (in particolare a Marotta) che, in un periodo piuttosto complicato, è riuscito a compiere un’impresa titanica. Alzi la mano chi, ad inizio anno, avrebbe mai puntato un centesimo sull’Inter finalista di Champions League… Credo che sia ebbro di felicità soprattutto Simone Inzaghi (quinto allenatore italiano a giocarsi una finale di Champions League). Da quando è approdato all’Inter è stato sempre oggetto di feroci critiche (alcune meritate) ma, da grande signore quale è, ha sempre risposto con i fatti e non con le parole. Il suo ricordare sempre i titoli vinti in nerazzurro, alla fine, è stato un esercizio di forma che ha pagato. Ora potrà dire di aver riportato l’Inter in finale di Champions League ben 13 anni dopo il capolavoro di Mourinho.

Comunque vada, è nella storia del club. Ora c’è solo da attendere il nome della rivale dei nerazzurri nella finalissima. Che sia il Real Madrid di Carlo Ancelotti o il Manchester City di Pep Guardiola fa poca differenza (sono entrambe due corazzate). L’Inter affronterà l’ultimo ostacolo che la separa dalla coppa dalle grandi orecchie con la stessa spavalderia con cui ha affrontato tutte le difficoltà incontrate in questa spinosa stagione. Quanto è bello pensare che un’italiana potrebbe vincere la Champions. Chi ha gioito nel 2010 sa cosa si prova…
Una riflessione finale su Bonucci. Un fulmine a ciel sereno la notizia del suo ritiro. Che non fosse in grande spolvero lo si era notato ma, onestamente, non credevo avesse maturato l’addio al calcio giocato. Spiace, anche perché è un classe 1987 (stessa annata di Messi), quindi ancora in un’età da calciatore. Comunque sia, resterà nella storia della Juventus e della Nazionale. Annata al Milan a parte, ha giocato sempre ad altissimi livelli. Ricordo un’intervista che gli feci anni fa per Calcio2000; mai una risposta banale e una sincera passione per il gioco del calcio. Felice di averlo visto giocare (e vincere) tante partite. Proprio sicuro di voler lasciare?

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile