Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Atalanta, ora serve un miracolo per l'Europa. E la società deve far chiarezza su Gasperini

Atalanta, ora serve un miracolo per l'Europa. E la società deve far chiarezza su GasperiniTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 16 maggio 2022, 08:30Serie A
di Patrick Iannarelli

Alla fine dei conti non è stato il ko contro il Milan a strappare l'Europa all'Atalanta. Il 2-0 di San Siro ha rappresentato l'istantanea perfetta di una stagione in cui è successo di tutto, un campionato difficile in cui l'Atalanta ha provato a restare a galla: una classifica meritata, come ha sottolineato Gasperini, frutto di una stagione cuscinetto necessaria per poter sancire il passaggio definito e alzare finalmente l'asticella. I nerazzurri tornano a Bergamo con la consapevolezza di dover risolvere parecchi dilemmi, a partire dal futuro dello stesso tecnico atalantino.

Niente drammi, ma l'Atalanta deve far chiarezza sul futuro di Gasperini

E le ultime parole dell'allenatore degli orobici devono far riflettere: "Non sono in grado di rispondere. In questo momento siamo tutti concentrati sull'esito di questo campionato. In società qualche cosa è cambiata. Non c'è stata alcuna riunione. Non è una domanda che dovete fare a me. Io mi confronterò appena verrò chiamato. Io a Bergamo sto benissimo. Se ci sono ancora le condizioni di sopportarmi sarà in grado di ripartire, altrimenti me ne farò una ragione".

La mancanza di una strategia praticamente a una settimana dal termine del campionato fa capire che manca un piano strategico in vista del futuro. Ora la palla passa alla società, chiamata a gran voce dal Gasp: serve un incontro per gettare le basi e andare avanti, con l'obiettivo di tornare al più presto in Europa. È pur vero che la matematica ancora non condanna la Dea, ma anche in caso di qualificazione last minute sarà necessario compiere una lunga riflessione.