Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2020
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
esclusiva

65 anni Scudetto viola. Orzan: "La squadra più bella è stata dimenticata"

ESCLUSIVA TMW - 65 anni Scudetto viola. Orzan: "La squadra più bella è stata dimenticata"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
giovedì 06 maggio 2021 12:08Serie A
di Lorenzo Marucci

Sessantacinque anni anni fa la Fiorentina conquistava il suo primo scudetto. Con Bernardini allenatore e giocatori del calibro di Sarti, Chiappella, Julinho. Abbiamo ricordato quel tricolore insieme ad Alberto Orzan, centrocampista di quella Fiorentina. "La prima cosa che mi viene da dire - racconta a Tuttomercatoweb.com - è che purtroppo di quella squadra siamo rimasti solo io e Carpanesi. E' bello ricordare che ho potuto giocare con Sarti, Rosetta, Chiappella, Julinho e Virgili che poi sono diventati carissimi amici; purtroppo non ci sono più e non ci possiamo più incontrare".

Quella fu la Fiorentina più bella?
"Penso di sì, la più bella perchè è stata molto forte. E' mancato un niente per vincere anche altri scudetti, arrivammo quattro volte consecutive secondi... E poi l'anno dopo lo scudetto, in Coppa Campioni ci spingemmo fino in finale poi persa 2-0 col Real Madrid. Forse se si giocava in campo neutro chissà come sarebbe andata a finire. Davanti a 120mila spettatori a Madrid non è mica facile. Erano tutti per il Real: giocammo bene, forse l'arbitro qualcosa di negativo ha fatto (fu concesso un rigore al Real Madrid sullo 0-0 ma il fallo di Magnini era fuori area, ndr)".

E la Fiorentina di oggi?
"La seguo, ma non conosco bene i giocatori. In questo calcio è tutto differente da quando giocavo io. Oggi vedo che in generale è determinante la parte economica. Seguo la squadra e sono contento se vince perchè il cuore è viola ma dispiace che non ci sono stati più contatti con nessuno, siamo stati dimenticati. Non c'è stato attaccamento ai ricordi. Non conosco nessuno della dirigenza, ricordo che più di un anno fa mi hanno premiato e c'era anche Commisso, ma poi non c'è stato più un contatto col club".

Che idea si è fatto di Commisso?
"Il presidente ha possibilità economiche, la Fiorentina è una squadra importante. altro non saprei dire. Ripeto, in generale dico e forse mi sbaglio che ai miei tempi c'era più attaccamento mentre ora ci sono più interessi"

© Riproduzione riservata
Articoli correlati
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000