Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
TMW

Fiorentina, Martinelli e il futuro: "Non ho ancora parlato con la società. Amo questo club"

Fiorentina, Martinelli e il futuro: "Non ho ancora parlato con la società. Amo questo club"TUTTO mercato WEB
venerdì 14 giugno 2024, 16:15Serie A
di Lorenzo Di Benedetto
fonte da Firenze, Ludovico Mauro

Tommaso Martinelli, portiere della Fiorentina classe 2006 che ha esordito in Serie A all'ultima gara di campionato, nel recupero contro l'Atalanta, ha parlato a margine della seconda edizione del Premio intitolato a Davide Astori a Firenze. Queste le sue parole: "Davide è stato un capitano anche per tutti noi, è sempre un esempio da seguire".

La stagione è finita: l'emozione più grande è stata l'esordio?
"Sì, senza dubbio. L'esordio nella squadra per cui tifo, un'emozione unica. L'annata è stata bellissima, purtroppo abbiamo perso la finale ma ci sono state tantissime cose belle".

Si parla tanto di lei, come vive tutto questo?
"Sono tranquillo, faccio il mio al massimo. Do tutto in ogni allenamento, sperando di raggiungere i miei obiettivi".

Che stagione è stata?
"Ho fatto tanti sacrifici con il sorriso. Ringrazio il mister dei portieri Savorani, veramente bravo. Il premio è stato quello di esordire nella squadra che amo".

L'anno prossimo l'obiettivo è quello di giocare di più? Ha parlato con il club?
"Ancora no, sono tranquillo e vivo serenamente. Mi andrà bene qualsiasi cosa, ma ancora non ho parlato con la società".

Com'è il suo rapporto con Terracciano?
"Bellissimo, con Pietro è come tra padre e figlio. Mi ha preso sotto la sua ala e mi ha insegnato tanto. Prima della gara contro l'Atalanta mi ha portato in campo e mi ha spiegato tante cose della partita. Anche con Christensen ho avuto un grande rapporto, siamo stati un bellissimo gruppo".

Cosa pensa dell'addio di Italiano e dell'arrivo di Palladino?
"Con il mister ho avuto un rapporto tranquillo, mi ha insegnato tanto e anche lui mi ha preso sotto la sua ala. Mi sono trovato veramente bene con Italiano e il suo staff. Ancora non ho incontrato Palladino, penso che sia veramente bravo".

Quali sono gli obiettivi per la prossima stagione?
"Speriamo come sempre di alzare qualche trofeo".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile