Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Lo scudetto nasce della gavetta. Stefano Pioli, ecco chi ha riportato il Diavolo in paradiso

Lo scudetto nasce della gavetta. Stefano Pioli, ecco chi ha riportato il Diavolo in paradisoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 22 maggio 2022, 20:45Serie A
di Luca Bargellini

Nell’epoca dei grandi campioni che arrivano subito sulle panchine più prestigiose, la vittoria dello scudetto da parte di un Milan guidato da Stefano Pioli è l’ennesima dimostrazione che il lavoro. Paga.

A 56 anni il tecnico rossonero si è preso, infatti, la soddisfazione più grande di tutte dopo una carriera fatta di salite e discese, cadute e nuovi sprint. Come ogni buon ciclista che si rispetti. Iniziando dall’estate del 2003 quando la panchina era quella della Salernitana, la prima dopo il percorso nei settori giovanili di Bologna e Chievo Verona. Dopo l’Arechi ecco il Modena, poi il Parma, la squadra della sua città. E ancora Piacenza, Sassuolo, Chievo, Palermo, Bologna, Lazio (la prima big della carriera), Inter, Fiorentina (il club della maturità, segnato in maniera indelebile dalla tragedia di Davide Astori), e, infine, il Milan.

Col Diavolo sono servite 136 panchine per arrivare in Paradiso. Un traguardo tricolore tagliato con la consapevolezza di esserselo guadagnato. Un centimetro alla volta.