Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Rocchi: "Nella prossima stagione ci saranno cambiamenti, ma non grandi modifiche"

Rocchi: "Nella prossima stagione ci saranno cambiamenti, ma non grandi modifiche"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 10 giugno 2024, 00:15Serie A
di Alessio Del Lungo

Gianluca Rocchi, designatore degli arbitri della Serie A e Serie B, è intervenuto al Festival della Serie A a Parma, parlando delle novità che potrebbero esserci nel campionato 2024-2025: "Nella prossima stagione - si legge su CalcioeFinanza.it - ci saranno dei cambiamenti nel regolamento, ma non è prevista nessuna grande modifica. Si parla, in particolare, delle varie interpretazioni sul fallo di mano in area, ma su questo punto in Italia siamo molto avanti".

Che ne pensa del VAR a chiamata?
"Si sta valutando per le giovanili, ma è ancora un progetto embrionale sul quale sta lavorando la FIFA, ma al momento non coinvolge i professionisti".

Qual è la sua idea in generale sul VAR?
"Quando ho saputo della sua introduzione non ero contento, visto che mi dava già fastidio quando mi facevano notare un errore dopo la partita, figuriamoci farlo notare praticamente in diretta. Poi dopo la prima che sono andato al VAR per correggere una scelta ed evitare di mettere le mani sul risultato é stata una liberazione. Ora mi arrabbio con gli arbitri più giovani che si lamentano della tecnologia e non capiscono a pieno i suoi vantaggi. Una cosa che non ho avuto io per 13 anni di carriera".

Che cos'è cambiato rispetto al passato?
"Abbiamo fatto un lavoro sotto l’aspetto comunicativo e oggi faccio selezione in base a questo. Ed è una cosa che devono sapere i ragazzi che vogliono fare gli arbitri a cui dico di studiare, visto che bisogna parlare davanti a decine di spettatori in diretta, sapendo che poi quell’audio sarà ascoltato da milioni di persone. Cerchiamo di ridurre il numero per provare a unificare il più possibile il giudizio, visto che un numero più grande porta a una dispersione di uniformità. Poi ovviamente non si potrà avere un giudizio univoco su un episodio in particolare, ma noi analizziamo un episodio e lo codifichiamo, ma ovviamente ogni episodio é diverso ed è proprio questo il bello".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile