Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Benevento, Caserta: "La vittoria del gruppo, successo meritato"

Benevento, Caserta: "La vittoria del gruppo, successo meritato"TUTTOmercatoWEB.com
Fabio Caserta
© foto di Image Sport
martedì 21 settembre 2021, 21:24Serie B
di Luca Esposito

Ai microfoni di Ottopagine arriva il commento del tecnico Fabio Caserta nel post gara di Benevento - Cittadella:

Che partita è stata, mister?

"Ho delle idee, ma dopo c'è il campo e ci sono dei momenti della gara che devono essere gestiti. Abbiamo iniziato bene contro una squadra che ci veniva ad aggredire alti, facendo di tutto per indirizzare il pressing. Volevano portarci dove volevano loro. Sono stati bravi dopo il nostro vantaggio. Dobbiamo crescere: dopo il gol subito ci siamo abbassati troppo. Ho inserito due attaccanti per metterli in difficoltà. Tello, Lapadula e Moncini hanno fatto molto bene. Sono contento perché quando la squadra capisce che è il momento di badare al sodo, cerca di andare il prima possibile in porta senza troppo fraseggio. Ci sono ampi margini di miglioramento".

Quanto conta il rientro di Lapadula?

"E' importante per tutti. Si tratta di un calciatore che sposta gli equilibri. Le avversarie hanno maggiori difficoltà nel marcarlo perché non ti dà punti di riferimento. Sa attaccare la profondità. Per questa categoria è un lusso. Il ragazzo ha attraversato un momento negativo dal punto di vista fisico, considerati i problemi alla caviglia e al ginocchio. Sono convinto che ci darà una grande mano perché è forte. Abbiamo bisogno di lui e dobbiamo metterlo nelle condizioni di essere decisivo sotto porta".
E' tutto l'attacco, però, che sta dando risposte importanti...

"Esistono i ruoli. Ci sono momenti come oggi dove gli attaccanti scendono per difendere. Come concetto penso sempre che la punta debba stare vicino alla porta per avere maggiore probabilità di fare gol. Preferisco avere una squadra aggressiva. Ciò che chiedo agli attaccanti è di pressare molto alti, poi è chiaro che ci sono momenti in cui bisogna difendere tutti insieme. Il bel gioco arriva fino a un certo punto. Quando non c'è la possibilità di giocare bene, allora bisogna badare al sodo, soprattutto in questo campionato dove i punti valgono tantissimo. In partite come quella di oggi occorre essere pratici. Dopo il pareggio abbiamo avuto paura di giocare e questo non mi è piaciuto. Abbiamo saputo soffrire, per poi essere cinici sotto porta. Il 4-1 è meritato".

Novità dall'infermeria?

"Improta ha avuto un problema tendineo. Anche Sau ha avvertito un fastidio a una vecchia cicatrice. Li valuteremo domani".

Come valuta l'esordio di Viviani?

"Ha dato tanta qualità e quantità. Faccio i complimenti alla società perché è un giovane di prospettiva, dimostrando ancora una volta che si lavora bene e che mi mette in condizione di lavorare al meglio".