Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Palermo, Mirri: "Il modello non sarà Zamparini. Chi investe lo farà per creare valore"

Palermo, Mirri: "Il modello non sarà Zamparini. Chi investe lo farà per creare valore"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 21 giugno 2022, 13:34Serie B
di Tommaso Maschio

“Non credo che il modello sia il Palermo di Zamparini, non siamo davanti a un presidente mecenate né a benefattori. Chi investe nel Palermo lo fa per creare valore, il club deve costruire ancora le proprie fondamenta che sono quelle tecniche, perché lo stadio lo abbiamo e il centro sportivo abbiamo la disponibilità a realizzarlo. Dobbiamo ricordarci che siamo una matricola, ci sono squadre come il Cittadella che in B hanno più esperienza di noi. Vogliamo vincere, ma non perché ci sono nuovi investitori, dobbiamo toglierci l’etichetta di matricola quanto prima”. Così dalle colonne della Gazzetta dello Sport Dario Mirri parla del futuro della società e della squadra rosanero con l’imminente arrivo del City Group: “Se Palermo si dimostra quello che è stata nei playoff, credo che poche squadre in Europa possano competere per partecipazione. Dovremo convincere chi arriva che non siamo un satellite, ma molto di più. - continua Mirri guardando ai protagonisti dell’ultima stagione – Si riparte dalla continuità con Baldini che non vuole cambiare e ha intenzione di continuare a vincere e Castagnini che è la persona che lo ha supportato maggiormente. Tutti abbiamo apprezzato il loro lavoro. Sagramola invece lo ringraziamo, ma avendo un ruolo diverso è normale che la proprietà in arrivo voglia una sua figura di riferimento, come potrebbe essere Gardini”.