Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw

Al Torino Film Festival presentato "La bella stagione", docufilm sulla Samp di Vialli&Mancini

TMW - Al Torino Film Festival presentato "La bella stagione", docufilm sulla Samp di Vialli&Mancini
sabato 26 novembre 2022, 19:56Altre Notizie
di Giacomo Iacobellis
fonte Luca Cilli

Al Torino Film Festival è stato presentato il docufilm "La bella stagione", diretto dal regista Marco Ponti e che racconta la fantastica cavalcata della Sampdoria che nella stagione 1990-1991 ha vinto uno Scudetto storico. Fra i testimonial d'eccezione anche Gianluca Vialli, il capitano di quella squadra unica e irripetibile: "Il progetto è nato tre anni fa circa, ricordo una telefonata con Marco Lanna, con cui abbiamo discusso della possibilità di celebrare il trentennale dello Scudetto - racconta Gianluca Vialli - facendo una cosa che rappresentasse lo stile di quella squadra, divertente ma anche utile, profonda, professionale e competente. Questo progetto ha avuto come fine raccogliere i fondi da donare in beneficenza all'ospedale pediatrico a cui siamo molto legati, prima con il libro e poi cedendo i diritti per la realizzazione di un film. Con l'uscita del libro, edito da Mondadori e veramente innovativo, si è raccontata una cultura, con anche la necessità di cazzeggiare, vincere divertendosi. Eravamo ispirati da un visionario, il presidente Mantovani. Dopo il successo del libro c'è stato l'incontro con Marco Ponti ed è nata questa cosa. È un film che ci rappresenta, ci abbiamo messo grandissimo impegno per far uscire i nostri valori, che forse alle nuove generazioni sfuggono. La cosa più bella è stata il percorso, parlare di certi argomenti, rivedere le nostre chat, ci ha riportato indietro di 30 anni. Noi avevamo qualcosa da dire e l'abbiamo raccontato. Oggi i giocatori sono molto professionali, hanno delle conoscenze e delle mentalità per gestirsi a livello fisico che non c'erano 30 anni fa. Ma detto questo, se tu prendi una persona professionale e la coinvolgi anche nel progetto, oltre a dare il 100% darà anche il sangue per quel progetto. E anche questo c'era nella Sampdoria, grazie a quello che ci diceva il presidente Mantovani. Volevamo dimostrare che una squadra come la Sampdoria potesse vincere lo Scudetto".