Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw radio

G.Galliani: "E' tornato lo spirito del vecchio Milan. Ibra fondamentale"

TMW RADIO - G.Galliani: "E' tornato lo spirito del vecchio Milan. Ibra fondamentale"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 20 maggio 2022, 15:08Altre Notizie
di TMWRadio Redazione

A parlare della sfida Scudetto a distanza Inter-Milan a Maracanà, nel pomeriggio di TMW Radio, è stato Gianluca Galliani, figlio del grande ex dirigente rossonero Adriano.

Come sta vivendo questa attesa per la prossima giornata?
"Lo sto aspettando come tutti i milanisti, tensione e ansia. Queste sensazioni ci sono da un mese perchè è un mese che il Milan lotta punto su punto e resta primo in classifica. E’ una squadra forte e penso che davvero non ci sia mai stata una lotta così tra le due milanesi. Sicuramente questo è il campionato più combattuto degli ultimi quindici anni".

Qual è la cosa che ti piace di più di questo Milan?
"La cosa che mi piace di questo Milan è che un Milan. Nella squadra si respira di nuovo quello spirito di abnegazione e famiglia, che c’era nel vecchio Milan e che si era un po' perso. In questa squadra grazie ai ragazzi, Pioli e lasciami sottolineare Ibrahimovic, che penso abbia spostato tanto da un punto di vista psicologico, si ritrova un Milan diverso negli uomini ma simile nello spirito a quelle annate rossoneri che hanno portato tante gioie". 

In questa annata quali sono i giocatori che Pioli ha fatto crescere di più?
"Allora sicuramente Leao è diventato un calciatore mondiale. Il portoghese ha deciso tante partite con giocate davvero straordinarie. Poi sicuramente Tonali è cresciuto tanto come la sorpresa Kalulu. Anche Theo ha trovato molta consapevolezza. La cosa però che mi piace di più è che, nonostante le grandi avversità che hanno affrontato, i rossoneri si sono sempre rifatti e stanno facendo davvero un qualcosa di straordinario".

In questa stagione Pioli si è dimostrato più bravo tatticamente e nel cambiare le partite rispetto a Inzaghi?
"Io trovo che Pioli e il suo staff nel preparare le partite siano fenomenali. Sinceramente non ricordo un allenatore che riesca ad adattarsi tatticamente alle partite e a prepararle in maniera perfetta. Trovo ingeneroso fare questi paragoni. In questa stagione ho visto tantissimi accorgimenti fatti per vincere le partite".

Che giocatore vorrebbe vedere nel Milan del prossimo anno?
"Devo dire la verità, questo Milan non è basato sui calciatori ma sul gruppo quindi non riesco a darti una risposta. Ho grandissima fiducia nella società e nel grande lavoro del mister quindi  non mi pongo questa problematica. Se fosse un discorso di un mio preferito mi ha stupito in questa stagione Nkunku, ma so che costa davvero tanto. Parlando con un procuratore importante abbiamo notato che i rossoneri hanno un’età media molto bassa ed un progetto, anche economico, davvero invidiabile". 

Che ne pensa della situazione Ibrahimovic?
"Allora io davvero non so come andrà a finire questa situazione. Si vede che comunque in questo periodo non sta bene. Noi tifosi del Milan dobbiamo essere davvero grati allo svedese che accettando la sfida rossonera ha cambiato davvero questa squadra. Spero possa giocare fino a sessanta anni anche perché nello spogliatoio ha dimostrato di poter cambiare davvero tutto. Dobbiamo ringraziare sempre lo svedese".