Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Elon Musk scherza, Sir Ratcliffe no: il miliardario inglese vuole comprare lo United

Elon Musk scherza, Sir Ratcliffe no: il miliardario inglese vuole comprare lo United
giovedì 18 agosto 2022, 00:49I fatti del giorno
di Dimitri Conti

L'uomo più ricco del mondo con ogni probabilità si stava limitando a scherzare, ma quello più ricco d'Inghilterra no. Nella giornata di oggi hanno tenuto banco le vicende societarie del Manchester United, alle prese con un momento sportivo dei più delicati che però ormai di fatto si perpetua in replica da qualche anno. Di fatto dall'addio di Sir Alex Ferguson nell'ormai lontano 2013. Da lì, con qualche lampo sparso (leggi Mourinho e l'Europa League vinta), per gran parte il buio.

Che possa essere un nuovo proprietario super ricco a dare nuova linfa e luce? Magari questo non sarà però Elon Musk, uomo senza confini e imprenditore leader nel pianeta grazie a quanto fatto con Tesla. La sua uscita su Twitter, francamente, appariva sin da subito (senza bisogno della smentita) alla stregua di una battuta, di una provocazione.

Discorso ben diverso invece per quanto concerne Jim Ratcliffe: l'uomo-Ineos, già presidente del Nizza, ha intenzione di ampliare i suoi orizzonti ed è uscito allo scoperto, tramite un portavoce, asserendo di essere interessato ad acquistare il Manchester United, qualora fosse in vendita.

Di sicuro c'è che il club vive una fase turbolenta e le notizie emerse nelle ultime ore a proposito della possibile cessione societaria (per un valore di 6 miliardi di euro che sarebbe record) fanno pensare che una strada, in tal senso, potrebbe essere già parzialmente tracciata.