Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Ciriello alla Gazzetta: "Mazzarri e i pasticci del laboratorio Napoli: ci sarà da sudare"

Ciriello alla Gazzetta: "Mazzarri e i pasticci del laboratorio Napoli: ci sarà da sudare"
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 5 dicembre 2023, 09:57Rassegna stampa
di Paolo Lora Lamia

Attraverso le colonne de La Gazzetta dello Sport, il giornalista Marco Ciriello ha parlato del complicatissimo avvio di stagione del Napoli: "Dalla sera della vittoria del campionato, De Laurentiis e il Napoli hanno perso pezzi, partite e punti. E più perdevano pezzi più pensavano di poterne fare a meno. Poi si è aperto il talent show per l’allenatore, con il dogma 4-3-3 che come insegna Zdenek Zeman, il più dogmatico degli allenatori, è sempre un codice da interpretare, tanto che Mazzarri lo spiega ad ogni conferenza stampa. E Rudi Garcia, vincitore del talent show, ha potuto tradirlo senza problemi, cambiando compiti, distanze e linguaggio dei calciatori, fino all’insurrezione parolaia di Khvicha Kvaratskhelia per tenere il pallone e divertirsi dribblando come accadeva con Spalletti".

Sull'arrivo di Mazzarri: "Comincia bene vincendo a Bergamo con l’Atalanta, ma perde due terzini, Mario Rui e Mathías Olivera, prova a sostituirli con Juan Jesus e poi spostando Natan, ma passano sia Bellingham che Barella. Tutti guardano in porta all’Alex Meret caduto e alla difesa, ma è un po’ più avanti che si concentrano i problemi. E se è vero che sul Napoli pare essersi inchiodata una nuvola fantozziana, è anche vero che da tutto questo battere e levare, cercare e riorganizzare, quelli che ne escono più depotenziati sono Khvicha Kvaratskhelia e Victor Osimhen".

In chiusura: "Il mondo del Napoli si è rovesciato in sei mesi. E lo scudetto appare, di nuovo, la luce tra due bui. Non è solo «il tennis uno sport inventato da diavolo» come dice Adriano Panatta, ma tutto lo sport che concede e toglie in un battito di ciglia. Se poi in quel battito si pensa a sé stessi e non agli altri, la caduta arriva prima e fa anche tanto male".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile