Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

FOCUS TMW - Sampdoria, chi mai la salverà? I debiti erano a 206 milioni a fine 2021

FOCUS TMW - Sampdoria, chi mai la salverà? I debiti erano a 206 milioni a fine 2021TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 30 marzo 2023, 14:45Serie A
di Andrea Losapio

Il classico viaggio nei bilanci dei club di TuttoMercatoWeb deve fare i conti con una situazione disastrata, soprattutto dall'assenza delle plusvalenze. Mai come adesso i club sono indebitati e devono fare i conti con stipendi troppo alti e un'operatività che è ai minimi storici

SAMPDORIA

Il bilancio 2022 della Sampdoria non è ancora disponibile, visto che la chiusura è al 31 di dicembre e solitamente viene pubblicato a fine aprile, ma la perdita dovrebbe più o meno essere sulla stessa falsariga del 2021, quando la perdita era stata di 25 milioni. Sarà invece interessante capire quanti sono i debiti rimasti sospesi dopo lo scorso anno, perché il rischio è che siano (parecchi) di più dei 130 milioni dell'anno precedente. È il quarto consecutivo, dovuto soprattutto al fatto che non sono state eseguite grandi plusvalenze, più gli ammortamenti degli anni precedenti.

I diritti televisivi
Nel 2021 impattavano per 52,2 milioni su 73 totali del fatturato caratteristico, cioè quello senza plusvalenze. Questo perché nel 2021 si sono giocate 24 partite su 38 per il campionato che finisce in Primavera, generando quindi un aumento di 15,3 milioni rispetto al 2020. Probabilmente per il 2022 saranno meno, ma è comunque un dato significativo: 73% dei guadagni della Sampdoria arrivano dalle tv, quindi è chiaro che la Samp sia dipendente da quello.

I costi
Sono cresciuti di molto rispetto all'anno precedente, in particolare per gli ammortamenti (9,1 milioni rispetto ai 4,6 del 2020) e per il personale, arrivando a 59,5 rispetto ai 53,6 del 2020. Il conto è presto redatto: 100,4 milioni nel 2021, 10,4 milioni in più in confronto al 2020. Insomma, i diritti televisivi non riescono nemmeno a coprire l'interezza del monte ingaggi, anzi, bisognerebbe capire come sarà il 2022. Probabilmente verso i 45 milioni.

La situazione è grave ma non seria
Perché se è vero che la Sampdoria è ultra indebitata, non ha chi ci mette i soldi e il grande rischio è che scompaia alla fine della stagione - con la retrocessione che potrebbe essere un'altra spada di Damocle - dall'altro sembra che ci sia la voglia di concludere il campionato di A e poi sperare che qualcuno arrivi, senza una grande programmazione. Anche perché, come già scritto nelle relazioni finanziarie, "il patrimonio aziendale è infatti costituito, in gran parte, dai diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori e tale patrimonio è legato al mantenimento del titolo sportivo e all'ottenimento della licenza Nazionale. Il Consiglio sta quindi operando con lo scopo di preservare il valore aziendale nelle more della finalizzazione del processo di vendita del club". Se la vendita non c'è, francamente, non ci sarà un patrimonio aziendale. I debiti, al 31 dicembre 2021, erano di 206 milioni.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile