Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Inter, Marotta: "Dobbiamo ritrovare alcune certezze. Troppo facile dare la colpa a Inzaghi"

Inter, Marotta: "Dobbiamo ritrovare alcune certezze. Troppo facile dare la colpa a Inzaghi"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 4 ottobre 2022, 20:34Serie A
di Andrea Piras

L'amministratore delegato dell'Inter Giuseppe Marotta ha parlato ai microfoni di Sky Sport prima del match contro il Barcellona. "Le dichiarazioni di Inzaghi prima della Roma? Sono esternazione che ogni allenatore rilascia a seconda di quello che pensa. Sicuramente non hanno creato una turbativa al nostro interno. Dobbiamo valutare il momento, abbiamo smarrito alcune certezze e nel giro di poco dobbiamo trovarle. Le ritrovi attraverso non solo la prestazione ma un risultato positivo".

Ci sono state delle critiche.
"Dobbiamo avere la capacità di accettare le critiche. E' giusto riceverle. Sicuramente credo che in questo momento, dati e statistiche sono contro di noi. Dobbiamo analizzare e capire il perché. E lo stiamo facendo".

Fare un bilancio nella pausa di campionato?
"Oggi l'obiettivo non è quello di pensare a quale sarà il futuro di Inzaghi. Sarà importante fare risultati ma soprattutto fare delle prestazioni soddisfacenti. Sarebbe bello poter interrompere la prima parte di stagione rimanendo attaccati all'alta classifica. Dopo di che ci sarà un altro campionato che inizierà con Inter-Napoli e sarà l'occasione per riagganciarsi".

Il destino di Inzaghi non dipende da queste partite?
"Assolutamente no. E' anche facile dare la colpa all'allenatore. Dobbiamo valutare a 360°, capire il momento e siamo noi dirigenti, allenatore e giocatori che devono venirne fuori. Inzaghi non si è improvvisato allenatore dell'Inter. Il vissuto ti fa crescere dal punto di vista professionale e l'esperienza sei questi mesi può servire per migliorare ed eliminare gli errori".

Serviranno undici leoni come canta la curva?
"Mi sembra giusto. Oggi l'aspetto motivazionale è fondamentale. Sappiamo di avere a che fare con una squadra di livello superiore. L'aspetto delle motivazioni dipende esclusivamente da noi".