Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Jake Daniels fa coming out: "Sono gay, basta bugie". È il primo in UK dopo Justin Fashanu

Jake Daniels fa coming out: "Sono gay, basta bugie". È il primo in UK dopo Justin Fashanu
lunedì 16 maggio 2022, 18:25Serie A
di Ivan Cardia

"Ora è il momento giusto per farlo". Per la prima volta dai tempi di Justin Fashanu, un calciatore inglese professionista fa coming out, dichiarando di essere gay. Si tratta di Jake Daniels attaccante classe 2005 del Blackpool, che ha affidato a Sky UK il suo racconto: "L'ho detto a mia madre e a mia sorella. Il giorno abbiamo giocato contro l'Accrington e ho segnato quattro gol: dimostra quanto peso avessi addosso e quanto mi sono sentito liberato. Mi sento pronto a raccontare alla gente la mia storia. Voglio che le persone conoscano il vero me. Ho pensato a lungo a come voglio farlo, quando voglio farlo. So che ora è il momento. Sono pronto a essere me stesso, essere libero e avere fiducia in tutto.

Non posso davvero metterci una data, ma probabilmente avevo cinque o sei anni quando sapevo di essere gay. Quindi è da molto tempo che convivo con la bugia. A quell'età non pensi davvero che il calcio e l'essere gay non si mischino. Pensi solo che un giorno, quando sarò più grande, avrò una ragazza e cambierò e andrà tutto bene.

Ma quando invecchi ti rendi conto che non puoi semplicemente cambiare. Non funziona così. Ho avuto delle ragazze in passato, per cercare di far credere a tutti i miei amici che fossi etero, ma è stato solo un enorme insabbiamento. A scuola mi chiedevano anche: 'Sei sicuro di non essere gay?'. E io risponderei 'No, non lo sono'. Non ero pronto ed è stata una lotta, ma non voglio più mentire.

Per molto tempo ho pensato che avrei dovuto nascondere la mia verità perché volevo essere, e ora lo sono, un calciatore professionista. Mi sono chiesto se dovevo aspettare fino alla pensione per fare coming out. Nessun altro giocatore nel gioco professionistico qui è fuori. Tuttavia, sapevo che ciò avrebbe portato a molto tempo a mentire e a non essere in grado di essere me stesso o di condurre la vita che voglio.

Da quando ho fatto coming out con la mia famiglia, il mio club e i miei compagni di squadra, quel periodo di ripensamenti su tutto e lo stress che ha creato è passato. Stava colpendo la mia salute mentale. Ora sono solo fiducioso e felice di essere finalmente me stesso.

Il Blackpool è stato assolutamente fantastico. Sono con loro ogni giorno e mi sono sentito al sicuro. I miei compagni di squadra sono stati tutti così solidali al riguardo e tutti mi hanno sostenuto. Hanno fatto un sacco di domande, sono stati tutti incuriositi e la loro reazione è stata brillante. È la cosa migliore che avrei potuto chiedere.

Ovviamente, tutti erano un po' scioccati in un certo senso e mi chiedevano perché non gliel'avevo detto prima. È stata una grande reazione perché ha mostrato quanto ci tenevano. Il capitano era una delle persone principali a cui ho parlato e mi ha anche fatto un sacco di domande. Alla fine ha semplicemente detto: 'Sono così orgoglioso di te'. Significava così tanto.

Mi piace quando le persone fanno domande. Voglio solo tirare fuori tutto e che le persone ascoltino la mia storia. È stato un anno abbastanza folle. Ho 17 anni. Ho firmato un contratto professionale. Ho segnato 30 gol in questa stagione e ho appena esordito in prima squadra in campionato, entrando dalla panchina contro Peterborough.

E ora ho deciso di fare coming out. Tutto è successo in una volta ma sembra giusto. Quando è iniziata questa stagione, volevo solo mettermi alla prova come giocatore. Penso di avere. Quindi questa era l'ultima cosa nella mia testa che sapevo di dover fare. Ora è uscito e la gente lo sa. Ora posso semplicemente vivere la mia vita come voglio e sai una cosa? È stato incredibile. L'argomento di essere gay, o bi o queer nel calcio maschile è ancora un tabù. Penso che dipenda dal modo in cui molti calciatori vogliono essere conosciuti per la loro mascolinità. E la gente vede l'essere gay come un debole, qualcosa per cui puoi essere preso di mira sul campo di football".