Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

L'arbitro Serra sull'errore di Milan-Spezia: "Ho pensato 'speriamo che Messias la butti fuori'"

L'arbitro Serra sull'errore di Milan-Spezia: "Ho pensato 'speriamo che Messias la butti fuori'"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com
mercoledì 2 febbraio 2022, 12:58Serie A
di Simone Lorini

Marco Serra, parlando ai microfoni di Sky Sport, torna sullo sfortunato episodio nel finale di Milan-Spezia, con il gol del 2-1 reso vano dalla mancata applicazione del vantaggio: "Nella mia testa c'è stato un errore di priorità, mi concentro su Rebic e Bastoni e penso che se lo tocca è fallo, non può non fare fallo in quella situazione. Concentrandomi su quello mi perdo lo scenario completo e mi dimentico di Messias che sta tirando in porta. Ricordo di aver pensato 'speriamo che non la butti dentro'. L'errore corretto dal VAR rimane un errore dell'arbitro, ma restituisce la verità sportiva, in questo caso non può intervenire però ed è ancora più pesante. Ibra? Penso che si sia avvicinato per strangolarmi, poi ha capito che errare è umano, che sarà capitato anche a lui di sbagliare un gol a porta vuota. Credo che tanti di noi avrebbero avuto la stessa identica reazione".

In una sorta di delitto perfetto, sul contropiede successivo lo Spezia fa 2-1:
"Credo di aver detto 'non ci credo' all'auricolare. Negli spogliatoi poi mi è passato accanto Florenzi ed era affranto come me, passa Calabria che era il capitano e tutti gli altri: mi sostengono, mi dicono che tutti sbagliano e di andare avanti. Ibra mi ha detto di essere forte e di reagire, mi ha fatto molto piacere e credo che il gesto sia stato apprezzato".

Quanto hai dormito la notte successiva?
"Un'oretta sul divano, non di più".

Il messaggio che ti ha risollevato, tra i tanti ricevuti?
"Meglio avere tutte le sfighe in una partita che una sfiga a partita".

Rocchi cosa ti ha detto nella sua telefonata?
"Questa è la Serie A, qui non si abbandona nessuno, tornerai ad arbitrare, massima serenità".

E Trentalange?
"Mi ha chiesto come erano andate le cose e anche lui mi ha esortato ad andare avanti".

All'interno di questa vicenda, cosa ti ha dato più fastidio e cosa più piacere?
"Non so come rispondere, dico solo che non vedo l'ora di tornare in campo al più presto".