Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Le pagelle della Fiorentina - Jovic toglie la ruggine, Kouame fa il genio. Terzic come il bombo

Le pagelle della Fiorentina - Jovic toglie la ruggine, Kouame fa il genio. Terzic come il bomboTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca 2022
giovedì 6 ottobre 2022, 23:03Serie A
di Dimitri Conti

Risultato: Hearts - Fiorentina 0-3

Gollini 6,5 - Dopo gli errori di Istanbul, ha la chance di rifarsi. E se a inizio match provoca brividi sparsi ai suoi tifosi, rimedia eccome a fine primo tempo con un intervento su Ginnelly da sottolineare.

Terzic 6,5 - Sulla fascia destra è un adattato, lui che è tutto mancino. Ma un po' come il bombo, che volerebbe non sapendo di non avere la struttura alare ideale, riesce pure a fornire un assist.

Martinez Quarta 6,5 - Qualche piccolo pasticcio assortito nei primissimi istanti del match, poi però prende le misure e non concede quasi nulla. Da un suo break in solitaria nasce il terzo gol viola.

Igor 6,5 - Reduce da qualche giro a vuoto di troppo, anche per lui c'è spazio per risollevarsi. Lo fa difendendo con autorità e sfiorando pure un gol. Un acciacco lo lascia negli spogliatoi dopo l'intervallo. Dal 46' Milenkovic 6 - Rieccolo, quasi un mese dopo l'infortunio. Si sistema al centro della difesa con il consueto piglio, non facendo mancare la sua presenza.

Biraghi 6 - Prestazione ordinata del capitano, priva di sbavature ma anche di propulsioni offensive simili a quelle cui ha spesso abituato. Nel complesso comunque non sfigura e si guadagna il sei. Dal 74' Dodo 6 - Anche per lui si tratta di rientro dopo il periodo di stop, Italiano gli concede un po' meno tempo rispetto a Milenkovic. Un paio di discese, ma senza frutti.

Bonaventura 6 - Il più esperto in campo, sia all'anagrafe che per quanto riguarda i trascorsi europei, preferisce fare da guida dietro le quinte per i compagni più che buttarsi in avanscoperta. Ok anche così. Dall'87' Zurkowski sv.

Amrabat 6 - Si riprende la cabina di regia dopo aver inizialmente riposato a Bergamo, amministra numerosi palloni con fare sereno e animo tranquillo. Non spicca più di tanto, Italiano poi lo chiama a riposo. Dal 74' Bianco 6 - Esordio stagionale per lui, mostra una personalità decisa nel farsi dare il pallone e nella comunicazione con i compagni. Buon subentro, anche se in condizioni agevoli.

Mandragora 7 - Questa volta gli tocca fare da mezzala: non si scompone, anzi. Infila il primo pallone buono dentro la rete con un colpo di testa in inserimento che è un po' l'ABC di chi interpreta quel ruolo.

Kouame 7,5 - Il più in forma del momento in casa Fiorentina è lui, e in quel di Edimburgo fornisce un'altra dimostrazione pratica del perché. In modalità genio: inventa lo 0-2 in semirovesciata e fa assist per Jovic.

Jovic 7 - Fa bene da raccordo con i compagni, per lunghi tratti è molto più apprezzabile in rifinitura che non per il killer instinct. Poi però toglie la ruggine di due mesi (tre anni in Europa) e torna al gol.

Saponara 6 - Ha personalità in numerose transizioni offensiva, però spesso il cambio passo rimane nei piedi. A fine primo tempo perde una palla potenzialmente sanguinosa in area, meglio la ripresa. Dall'81' Gonzalez sv.

Vincenzo Italiano 6,5 - Parole d'ordine: segnare, vincere. E subito la prima delle due trova riscontro, grazie a Mandragora. Ottenuto il primo gol ecco che subentra la modalità gestione, raramente così priva di pericoli nel corso di questa stagione. Il centro di Kouame a fine primo tempo più l'espulsione di Neilson a inizio ripresa indirizzano del tutto il match. Lo chiude Jovic, al quale non ha mancato di dare fiducia.