Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
live

Spezia, Motta: "Kovalenko non è a disposizione. Si porta dietro un problema"

LIVE TMW - Spezia, Motta: "Kovalenko non è a disposizione. Si porta dietro un problema"TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 1 ottobre 2021, 16:59Serie A
di Niccolò Pasta
Diretta scritta su TUTTOmercatoWEB.com. Premi F5 per aggiornare!

16.20 - Dopo due grandi prestazioni contro Juventus e Milan, torna in campo lo Spezia di Thiago Motta, ospite dell'Hellas Verona avversario diretto per la salvezza. I liguri, usciti con zero punti dalle due gare contro le big nonostante buone risposte, vanno alla ricerca di punti, per arrivare con il morale migliore alla sosta per le nazionali. Tra pochi minuti le parole del tecnico delle Aquile, che potrete seguire qui grazie alla nostra diretta scritta in tempo reale.

16.40 - Inizia la conferenza di Thiago Motta.

Due sconfitte contro due squadre fortissime. C'è rammarico per non aver portato a casa punti dopo queste prestazioni.
“Sì, per quello che abbiamo fatto in campo. Ma è il calcio. Abbiamo fatto buone prestazioni, non abbiamo avuto il nostro premio, un risultato. Ma è il passato, ora pensiamo al Verona”.

Come ha reagito la squadra?
“Abbiamo preso le cose positive, non c'è altro da fare. Dobbiamo continuare così. Ho visto uno spirito di gruppo, di volere qualcosa in comune e su questo dobbiamo continuare. Le prossime partite diranno se lo sforzo è sufficiente per fare risultato”.

È più preoccupato per la difesa o più contento per l’attacco?
“In questo momento se facciamo gol non è merito solo dell’attaccante, così come non è colpa della difesa se prendiamo gol. La squadra quando inizia a difendere deve farlo anche con gli attaccanti. Dobbiamo migliorare in entrambe le fasi, perchè anche in attacco, pur segnando, possiamo fare meglio”.

Arrivate a Verona con qualche assenza. Come mai ci sono tanti infortuni?
“Gli infortuni ci sono e ci saranno sempre, ci sono stati in passato, non è una cosa nuova per una squadra. Ho la certezza che quelli che saranno a disposizione faranno una buona partita, è una partita importante e dobbiamo affrontarla nel modo migliore come abbiamo fatto in settimana. Domani vedremo chi giocherà dall’inizio e chi rientrerà nel percorso. Poi c'è la sosta e vedremo cosa fare, chi ha giocato di più e non andrà in nazionale farà un lavoro diverso, perché possono riposare. Alla fine ci sono giocatori che hanno giocato sempre, devono continuare così ma vanno gestiti in un modo diverso”.

Qualche errore individuale vi ha penalizzato. È preoccupato?
“Gli errori ci sono e ci saranno, come gli infortuni, sta a noi capire come intervenire. Ci sono situazioni in cui qualcuno fa degli errori, ma dobbiamo capire perché, ci sono cose che non si guardano con attenzione e dobbiamo cercare di migliorare. Ora vengono partite interessanti come quelle già giocate. Io affronto partita in partita, la prossima, con il Verona, è la più importante”.

Ci sono stati rumours sulle prestazioni dei portieri. Colpa del contratto o c'è altro?
“Sui rumours non posso parlare dato che nemmeno li ho sentiti. Abbiamo tre portieri di alto livello. Il primo in questo momento è Zoet, il secondo Provedel, il terzo Zovko. Vedremo come sarà in futuro”.

E' arrivato Nguiamba in settimana. Come lo ha trovato fisicamente?
"Il ragazzo è arrivato per dare contributo, è un uomo in più. E' arrivato dopo che da un po' era inattivo ma io non ho tempo, il club non ha tempo e neppure lui ha tempo. Deve entrare in condizione subito. Vedremo se potrà partecipare già subito o se dovrà aspettare".

Il tecnico del Milan Pioli ha parlato del campo del "Picco" definendolo "non corretto". Che ne pensa?
"Il Picco è bellissimo. Mi piace tantissimo, poi quello che dicono gli altri non è importante. E' la sua opinione, la mia è che è bellissimo. Vederlo da fuori ti fa venire voglia di entrare in campo e giocare alla grande. I tifosi sono grandi, il campo è buono, siamo contenti. Non c'è altro da dire".

Il Verona ha mostrato carattere. Che partita si aspetta?
“La più difficile possibile, sono una buona squadra, hanno aggressività sulla pressione. Sappiamo cosa troveremo in campo, starà a noi fare una buona partita e sapere che abbiamo le condizioni per metterli in difficoltà. Proveremo a fare il nostro meglio”.

Ha fatto i complimenti ad Antiste per la convocazione in Nazionale?
“Sono contento per lui, non per me. Vorrei restasse con noi questa settimana per continuare il lavoro ma sono felice che un nostro giocatore vada in nazionale, se lo merita. Ha dimostrato che è interessante”.

Maggiore non ci sarà, Kovalenko è recuperato?
“Kovalenko non sarà a disposizione, ha avuto questo piccolo fastidio alla gamba che si porta già da prima che arrivasse allo Spezia. Gli daremo tempo per recuperare, per vederlo al massimo e poi quando sarà pronto giocherà le partite. Non si è allenato in gruppo, ha fatto un lavoro differenziato. Seguirà con questo lavoro, quando sarà pronto per allenarsi con i compagni, starà con noi. Spero sia il prima possibile”.

L’Hellas ha giocatori importanti. Lei vuole un calcio offensivo e così potrà fargli male.
“È il nostro obiettivo, non è sufficiente solo difendersi. Per avere quello che vogliamo noi dobbiamo fare belle prestazioni ma abbiamo voglia e bisogno di vincere. E questo passa tanto dall’attacco e dalla fase offensiva. Vogliamo mettere in difficoltà il Verona”.

Psicologicamente a volte andate in difficoltà?
“L'aspetto psicologico esiste sempre, nel gioco del calcio c'è sempre. Ha parlato delle sconfitte nel finale, ma a Venezia abbiamo vinto all’ultimo, vuol dire che in quel momento era un periodo positivo della partita. Ci abbiamo creduto fino alla fine, abbiamo ottenuto il nostro premio. Ci sono momenti in cui fai un gol e pensi sia sufficiente stare dietro per difendere, ma dobbiamo pensare che per fare quel gol ci siamo comportati in un altro modo. A volte si prende gol quando sei più difensivo, succede spesso nel calcio. Dobbiamo essere forti, avere la consapevolezza che se pure segniamo dobbiamo continuare ad andare avanti e fare il secondo, non stare indietro. Quando invece si prende gol ci vuole la certezza che si può pareggiare”.

16.59 - Si chiude la conferenza di Thiago Motta.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2022 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000