Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
live

Torino, Cairo: "Con Juric unione di vedute. Belotti? Serve adesione al progetto"

LIVE TMW - Torino, Cairo: "Con Juric unione di vedute. Belotti? Serve adesione al progetto"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport
giovedì 08 luglio 2021 16:36Serie A
di Emanuele Pastorella
fonte nostro inviato all'Olimpico Grande Torino
Premi F5 per aggiornare la diretta

Ci sarà anche il presidente del Torino, Urbano Cairo, alla presentazione del nuovo allenatore Ivan Juric. Il patron granata è atteso per le 15 allo stadio Olimpico Grande Torino, segui in diretta testuale le parole del numero uno del club di via Arcivescovado su TuttoMercatoWeb.com.. Presenti anche il dt Vagnati, il segretario Bernardelli, il collaboratore Moretti, il direttore operativo Barile e il direttore scouting Specchia.

Ore 15.30 - Comincia la conferenza stampa del presidente Cairo.

"E' una giornata piovosa, sono in ritardo per questo. Ed è importante perché presentiamo Juric: non ha bisogno di presentazioni. Ci tengo a salutare e ringraziare Nicola, ha fatto un campionato importante. Si è messo al lavoro con impegno e dedizione, ha ricompattato l'ambiente. Mi sono ricoinvolto di più con il suo arrivo, lo conoscevo dal 2005 quando era un nostro giocatore. Nei 125 giorni con lui, sono stato con la squadra 37 volte: un tempo incredibile. Mi ha contagiato in entusiasmo, gli ho dato una mano e sono stato vicino alla squadra per creare clima positivo. Il lavoro suo e dei ragazzi è servito, si sono impegnati per raggiungere l'obiettivo. Era fondamentale mantenere la categoria e in certi momenti sembrava complicato"

Su Juric: "Non lo conoscevo personalmente, ho visto le sue stagioni al Verona e sono stati eccellenti, con giocatori giovani diventati importanti come Kumbulla, Amrabat, Zaccagni e Lovato, per citarne alcuni. Una sera vidi Verona-Inter e, dopo la sua intervista televisiva, mi ha colpito tantissimo per le cose che ha detto e il modo in cui le ha dette. Mi trasmetteva tanto, l'ho detto a Vagnati e sentivo che sarebbe stato l'uomo giusto. Ci siamo visti in albergo, abbiamo mangiato e l'incontro ha confermato la mia impressione. Ci siamo risentiti, lui ha scelto di restare al Verona perché aveva un contratto e parlando con il suo presidente lo ha lasciato andare. L'anno scorso sarebbe stata la cosa, ma lui non se la sentiva per gratitudine. A fronte di un discorso del genere, non potevo dirgli nulla. Ci abbiamo riprovato, era rimasta la voglia di prenderlo e ci siamo riusciti".

Quando ha capito che era l'uomo giusto?
"C'era unione di vedute, anche nell'affrontare le cose. Ma c'era di mezzo il contratto con il Verona, che doveva dare disponibilità, e poi bisognava chiudere perché aveva tante richieste e non era scontato. La mia percezione era che ci fosse simpatia e avessimo intenti comuni".

Che stagione si aspetta?
"Veniamo da annate deludenti, la storia recente non è buona. Non servono voli pindarici, la penso come il mister"

Come mai questa rivoluzione in società?
"Penso sia giusto rinnovare le cose, sono legato a Comi e Bava, ma poi arriva un momento in cui è giusto cambiare. Hai voglia di fare altre cose, pur avendo fatto bene negli anni precedenti: Bava ha vinto un campionato, una coppa Italia e una Supercoppa, oltre a far crescere tanti giovani che hanno fatto i professionisti. Poi non si è più fatto bene, perciò ci sono dei momenti in cui arrivi al massimo e qualcosa non va più bene. Mi ha dato sensazioni non positive e così ho deciso di interrompere. Ho conosciuto Ludergnani, che alla Spal ha fatto sei anni eccellenti, e ho visto le strutture che ha la Spal: il loro convitto mi ha fatto pensare "perché noi no?". Investiamo tanto e vorremmo investire di più, il tema è avere l'idea di farlo. Non abbiamo inserito la figura del direttore generale, era giusto liberare la strada per vedere chi ci potrà arrivare. In consiglio abbiamo inserito Bellino, un bravo collaboratore che ha la delega per occuparsi degli impianti sportivi: dobbiamo migliorarli. Sul Robaldo sono passati cinque anni, ora abbiamo il permesso di costruire. Il Comune avrà le sue lentezze, ma noi potevamo fare meglio. Se avessi avuto quell'incarico, di costruire il Robaldo che è una cosa che ci serve, uno dalla mattina alla sera deve pensare solo a quello. Ti incateni in Comune e lo ottieni. Non do colpe, ma non posso fare tutto io"

Quale sarà il futuro di Sirigu?
"Per ora è ancora con noi. Ha fatto quattro anni con noi, nell'ultima stagione l'ho visto meno felice di essere qui. Aveva magari un'ambizione diversa, può essere giusto accontentarlo e dargli la possibilità di ciò che ritiene il meglio. Ha 34 anni, ma i portieri vanno avanti tanto: può avere voglie diverse. Ho sempre avuto un rapporto splendido, lo stimo ed è un ragazzo eccezionale, ma è importante la motivazione. Non è che Sirigu non fosse attaccato alla maglia, ma se non hai la voglia totale di stare, magari pensando che potevi fare qualcosa di diverso, un po' ti può indebolire. Non è giusto che qualcuno non sia nelle possibilità di fare le cose migliori, ma da parte mia c'è grande affetto e stima".

Cosa pensa del destino di Belotti?
"Lo ha detto Juric, è stato un top player anche se nell'ultimo periodo non è stato al top. Da sei anni è con noi, ho sempre cercato di portarlo in palmo di mano anche quando facemmo il rinnovo con clausola: ci tenevo perché potesse avere nei 100 milioni di clausola un riconoscimento in Italia e all'estero. Un giorno andai a Madrid a cena con Florentino Perez, mi raccontava che stava rinnovando il contratto a Kroos e aveva messo una clausola, io gli risposi parlando di Belotti. Il Gallo non era ancora così conosciuto, appena parlo della clausola da 100 milioni Perez rimase sbalordito. Con Belotti parlai bene della clausola, gli chiesi se gli pesasse, e lui mi rispose di no, "io gioco a calcio" mi disse. E fece un grande campionato. Racconto questo per dire il mio attestato di stima per Belotti, che è massimo. Nel 2017 lo cercò il Milan e lui non era indifferente, il Milan è il Milan anche se lui era molto legato al Toro. Tornando a lui, ho un'assoluta stima: è un ragazzo perbene, un grande bomber. E' importante, soprattutto adesso in cui c'è un'aria e una volontà di rifare le cose in un certo modo, che ci sia adesione totale al progetto"

Sul caso Blackstone, cosa dice?
"Rcs, nel 2013 a novembre, ha venduto un immobile a 120 milioni, successivamente un perito del collegio arbitrale dice che valeva 153 milioni, quindi 33 in più. Io ricordo che nell'estate del 2013 diventai socio di Rcs: comprai i diritti d'opzione per sottoscrivere l'aumento di capitale. L'ingresso da parte mia fece parlare molti giornali. A ottobre o novembre, leggo che Rcs ha venduto un immobile pazzesco nel centro di Milano per 120 milioni, prendo carta e penna per scrivere a Provasoli perché non capivo le cifre. Mi rispose e io, non avendo potere, lasciai perdere. Da sette anni hanno affittato l'immobile, hanno incassato affitti per 80 milioni. Non ho azionato l'arbitrato perché sapevo che vendevano l'immobile ad Allianz, ma anzi prima di farlo abbiamo scritto loro. Il Collegio Arbitrale non ci ha dato ragione e non ci ha liquidato un danno, ma ha detto che era in buona fede e l'argomento è molto complesso, compensando le spese. Non è una lite temeraria, ma compensiamo le spese. Abbiamo impugnato un lodo, un giudice deciderà se il lodo è giusto o meno. Sulla causa americana, New York non ha competenza. Tutto è avvenuto in Italia, l'America non c'entra nulla. Oggi alcuni giornali scrivono queste cose perché si ha piacere: un conto è chiedere un danno, un conto è liquidarlo. E questo danno non è giudicabile in America. E non esiste perché l'immobile vale di più".

Sulla contestazione, invece?
"Non ne vedo così tanta, di contestazione...Ci sta il malumore, anche perché avevamo fatto risultati che al Toro non si vedevano dagli anni Novanta. Il Toro non è in serie A per dieci anni di fila dagli anni Ottanta. Non ho alcuna intenzione di vendere il Toro, l'arrivo di Juric mi ha rimotivato: già con Nicola lo ero, Juric ancora di più. Nessuna intenzione di vendere il Toro"

Che obiettivi si dà?
"Non dico nulla. Il mister deve conoscere la rosa, ha delle idee e non ha pregiudizi: ci ha detto di non fare nulla per il momento. Una volta che ha visto i giocatori, verrò su a Santa Cristina e poi ne parleremo per bene. L'Atalanta dice che l'obiettivo è la salvezza, poi vanno avanti. Dobbiamo fare le cose in questo modo"

Ore 16.36 - Termina la conferenza stampa di Cairo.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000