Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

McKennie: "Totti l'idolo d'infanzia. Ronaldo arrogante? L'immagine che passa è sbagliata"

McKennie: "Totti l'idolo d'infanzia. Ronaldo arrogante? L'immagine che passa è sbagliata"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 20 novembre 2022, 22:23Serie A
di Luca Chiarini
fonte ilbianconero.com

Nella lunga intervista concessa al canale Youtube Kwik Goal, Weston McKennie ha svelato così il suo idolo d'infanzia: "Totti era il mio giocatore preferito da ragazzino, ma non ho provato ad emularlo. Cerco di essere solamente me stesso, il tipo di calciatore che sono. Avevo dei calciatori preferiti ma non guardavo tanto sport. Avevo un fisioterapista che lavorava con la Roma e mi ha aiutato a realizzare il sogno di una maglietta autografata: Totti una volta è venuto alla Juve e me l’ha portata e non ci potevo credere".

Il texano ha condiviso lo spogliatoio con un altro grande campione come Cristiano Ronaldo, sul quale ha avuto modo di soffermarsi in un altro passaggio dell'intervista: "Incredibile giocare con lui. Tutti hanno l’immagine di lui che è arrogante e che pensa solo al lavoro. Ma è un ragazzo che si diverte a lavorare, gli piace. Ma gli piace anche il tempo fuori, con la famiglia. Ha una maniera diversa di prendersi cura del suo corpo. Tornavamo dalle trasferte magari alle 3 di notte e al mattino dopo ci allenavamo. Gli altri andavano nello spogliatoio, si cambiavano e tornavano a casa. Io odio il bagno col ghiaccio; lui si spogliava, metteva un asciugamano sul collo e andava a fare il bagno con il ghiaccio. Mi diceva: vieni con me, ti fa bene, se non vuoi fare 5 minuti, fai 20-30 secondi, stiamo lì e parliamo e non potevo dirgli di no! Restavamo lì e parlavamo della partita. Nei primi due mesi continuavo a non credere di star giocando con una leggenda come lui, ma poi dopo che passi l’essere un fan è meglio per un professionista. Ho iniziato a comportarmi normalmente, ridevamo e facevamo battute".

Primo piano
TMW Radio Sport