Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, ancora Ibra: "Se fosse per me sarei su un’isola con un sigaro, ma ho tanto da dare"

Milan, ancora Ibra: "Se fosse per me sarei su un’isola con un sigaro, ma ho tanto da dare"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 8 febbraio 2023, 18:53Serie A
di Simone Lorini

Le critiche a Pioli e il ritiro: Zlatan Ibrahimovic parla anche di questo nella lunga intervista concessa a Sportmediaset quest'oggi. Questo il suo pensiero su quanto scritto sul tecnico parmigiano: "Sono cose normali, è l’allenatore del Milan e se le cose non vanno bene è giusto criticare l’allenatore e la squadra. Siamo professionisti e ci aspettiamo le critiche, non sono tutte rose e fiori, le critiche fanno parte del lavoro. Se non reggi le pressioni delle critiche non bisogna fare questo lavoro ma le critiche fanno parte del nostro mondo e sono utili perché ti fanno restare al top. Quando sei brutto puoi diventare bello".

Lo Scudetto dell'anno scorso è un caso isolato?
"Se abbiamo vinto è perché ognuno ha fatto il suo, ognuno si è sacrificato e si è preso le sue responsabilità nel momento in cui serviva. Non c’è stato un one man show, noi non siamo dipendenti da uno o due fenomeni, abbiamo vinto grazie al collettivo di tutti. E anche grazie ai tifosi che hanno dato una grande carica al gruppo".

Pensi al ritiro?
"A 41 anni ho ancora tante pagine da scrivere anche perché la qualità non scompare, il fisico cambia, la preparazione fisica è diversa ma la qualità non va via, è una cosa che rimane. Nel mio caso non cambia. A chi non crede in Dio, lo farò vedere in campo, non a parole. Voglio dimostrare il mio talento tutti i giorni con grande voglia, ma non solo individualmente. Voglio trasferire la mia credibilità negli altri perché se riesci a fare la differenza con la squadra è diverso. Non deve dipendere tutto da me, voglio trasferire tutto quello che ho dentro agli altri: se i miei compagni stanno bene sto bene anche io. Se vinciamo da collettivo mi carico. In questa situazione non devo avere, devo solo dare. È anche questa la mia sfida, l’obiettivo non è il mio ego. Ho 41 anni, gioco nel Milan e sono al top. Io voglio trasferire gli occhi sugli altri, sono qui per loro non per me. Se fosse per me sarei su un’isola con un sigaro. Se posso essere un esempio e un leader lo faccio".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile