Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Mirante archivia il Milan: "Futuro? Non vorrei arrivare fino all'età di Buffon giocando ancora"

Mirante archivia il Milan: "Futuro? Non vorrei arrivare fino all'età di Buffon giocando ancora"
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 27 maggio 2024, 14:38Serie A
di Tommaso Bonan

"Non vorrei arrivare fino all'età di Buffon giocando ancora, però mi sento bene e quindi quelle seguenti saranno settimane di riflessioni. Ad oggi vorrei continuare ancora, mi sento bene e questa stagione ho avuto anche la possibilità di giocare qualche partita". Ai microfoni di Radio TV Serie A parla così Antonio Mirante, portiere classe '83, che sabato contro la Salernitana è sceso in campo per l'ultima volta con la maglie del Milan: "Il futuro dipende un po' dal percorso che ognuno ha fatto, da come ci si sente, da dove si gioca e da come si è affrontato l'ultimo anno calcistico, senza dimenticare l'importanza della motivazione che ti spinge ad andare avanti. Gli infortuni sicuramente incidono sulla carriera di un giocatore e per me pensare adesso di andare all'estero è quasi impossibile".

La situazione del Milan. "Sono arrivato al Milan da svincolato dopo l'esperienza a Roma ed era un Milan diverso, nonostante fosse già rinato da un anno, un Milan con un'energia diversa. Ad oggi c'è un Milan evoluto e ambizioso che grazie all'allenatore ha migliorato molti giocatori: le ambizioni sono cambiate. Il Milan oggi non è più la squadra di cinque anni fa. Le aspettative sono alte".

Mister Pioli. "Pioli l'avevo affrontato qualche volta da avversario nelle squadre in cui giocavo, ma non lo conoscevo personalmente. Ha portato energia e la giusta mentalità per cercare la vittoria, ci ha insegnato il modo giusto per giocare le partite e come allenare la squadra. Questo è stato determinante per molti di noi che hanno svoltato. Questo vale per molti singoli, ma soprattutto per la squadra. L'anno dello scudetto è stato quello che ha fatto svoltare giocatori, club e tifosi. Quell'anno è stato determinante per tutti: per noi e per lui. In quell'anno siamo stati la squadra che ha avuto il cammino più in crescita; abbiamo vinto uno scudetto in una stagione dove non partivamo favoriti".

Sulla stagione. "Le partite con la Roma in Europa League sono state deludenti rispetto a quanto ci aspettavamo. È stata una delusione per tutti. Ci sono partite che incidono sulla valutazione di un allenatore, ma questo purtroppo capita spesso nel nostro calcio. Le partite vinte con il Paris Saint Germain, la vittoria sull'Atletico il mio primo anno a Madrid sono partite che dimostrano il lavoro fatto da Pioli negli anni".

Su Fonseca e il probabile allenatore per il futuro "Fonseca è un allenatore a cui piace giocare a calcio, è un allenatore offensivo e ha un buon approccio con i ragazzi. Io l'ho avuto per due anni a Roma, con tutte le problematiche legate a quel periodo in quella piazza e secondo me nonostante tutto ha fatto bene. È un allenatore preparato che va dritto per la sua strada; è pragmatico e ambizioso. Il Milan è un Club che punta a vincere, gli obiettivi sono importanti e quindi Fonseca (o chi subentrerà), avrà grosse responsabilità ereditate da Pioli. Noi siamo meno informati di voi e non è facile, però penso che sia stata una scelta ponderata. Il Milan è un Club che ti rimane dentro per il fascino, la storia e l'ambiente lavorativo. Milanello e San Siro in questi ultimi anni sono stati degli ambienti fondamentali dove poter crescere e migliorare".

Su Ibrahimovic. "Ci sono calciatori come lui che hanno un carisma e un'aura che lo precedono. È un ragazzo super intelligente e che capisce di calcio. Si è approcciato a noi con grande umiltà e responsabilità, fino a poco tempo fa giocava con noi. Io ho la sensazione che sia molto competente anche se io non conosco le dinamiche dirigenziali".

I portieri più forti. "Maignan e Donnarumma sono portieri molto forti, diversi, ma con grande talento. Gigio ha fatto la fortuna dell'Italia e sicuramente la farà ancora. Mike è un professionista incredibile, un portiere totale che nei prossimi anni è destinato a migliorare ancora; il suo carisma si percepisce solo guardandolo. Nello spogliatoio sai che c'è, trasmette certezza e questa qualità è indispensabile per il suo ruolo".

Su Rafa Leao. "A Leao manca un po' di fame e di continuità, serve che non si accontenti quando fa partite incredibili come con il Paris Saint Germain; questa penso sia l'unica cosa che gli manca, per il resto è un giocatore incredibile".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile