Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Canotto: "Ero vicino a un altro club, ma quando ha chiamato la Reggina non ho esitato"

Canotto: "Ero vicino a un altro club, ma quando ha chiamato la Reggina non ho esitato"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 22 settembre 2022, 23:34Serie B
di Tommaso Maschio

L’attaccante Luigi Canotto ai microfoni di StrettoWeb ha parlato del suo approdo alla Reggina in estate e dell’ottimo avvio di stagione della squadra allenata da mister Inzaghi: “La chiamata di Taibi ha cambiato tutto, sapevo che c’erano altre società importanti che mi cercavano e con una di essere era quasi fatta. Avevo anche dato la mia parola prima che arrivasse la Reggina e quando si è presentata con quel progetto non ho esitato un secondo. Ero già stato vicino a tornare lo scorso anno, una mezza cosa che poi non si fece anche per questioni di costi. - continua Canotto – Non mi aspettavo una partenza simile in campionato anche se ero consapevole della forza della squadra e del progetto. Speravo che le cose andassero così fin dall’inizio, ma è ancora presto per guardare la classifica anche se un occhio glielo diamo. Dobbiamo pensare una gara alla volta e ora l’obiettivo è il Modena, facciamo risultato contro di loro e poi prepariamoci al derby. Inzaghi? Il mister può darci tanto e ha anche un grandissimo staff. Devo dire che è una grande cosa perché chi è giocatore le vede queste cose, vede tanto anche sull’aspetto dell’organizzazione, di come si preparano le partite. Ho avuto tanti allenatori bravi, tutti ex giocatori. A partire da Caserta, poi Aglietti, Grosso, sono stati prima giocatori. Questo aspetto ti fa dare qualcosa in più. Mister Inzaghi è uno dei migliori sicuramente”.