Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
esclusiva

Lucarelli jr. oltre il gol: "Volevo e voglio contribuire alla rinascita del mio Livorno"

ESCLUSIVA TMW - Lucarelli jr. oltre il gol: "Volevo e voglio contribuire alla rinascita del mio Livorno"TUTTOmercatoWEB.com
lunedì 26 settembre 2022, 13:04Serie D
di Claudia Marrone

"Avevo anche la possibilità di rimanere in Serie C, avevo ben figurato la passata stagione nelle 20 gare giocate, ma appena ho visto che poteva realizzarsi il mio sogno, non ci ho pensato due volte, oltre tutto il resto. L'anno scorso ho vissuto una grande delusione da tifoso, volevo quindi contribuire alla rinascita: e al vestire la maglia del Livorno ho subito detto di si": nell'intervista rilasciata in esclusiva ai microfoni di TuttoMercatoWeb.com, esordisce così Mattia Lucarelli, calciatore sì della formazione labronica ma anche figlio della bandiera del club Cristiano Lucarelli.
Che sabato pomeriggio, sugli spalti del "Picchi", ha avuto la possibilità di vedere il ragazzo segnare il primo gol in amaranto: "Il gol, in un teatro così, è una sensazione che auguro a tutti, io non l'avevo mai vissuta così intensa. È stata davvero una gioia immensa".

Potrebbe essere il primo centro di una lunga serie?
"Il ruolo nel modulo che attuiamo è quello che mi ha sempre rispecchiato, la fase di spinta è una delle mie principali caratteristiche, e avendo ora più libertà di attaccare non nascondo che mi piacerebbe segnare ancora e far fare anche gol. Quello che conta è vincere".

Vincere, dicevi. Quando si sente l'obbligo di dover portare a termine la stagione in un determinato modo?
"La squadra, per le note vicende estive, è stata costruita con meno tempo rispetto ad altre formazioni del nostro girone, che hanno per altro anche speso più di noi, ma abbiamo comunque il dovere di provarci. Sappiamo cosa fare, sappiamo di dover lottare su ogni pallone, di doverne vincere il più possibile, ma soprattutto sappiamo di dover uscire dal campo avendo sempre dato il massimo. Perché alla fine è questo che ci chiedono anche i tifosi. Poi, ovviamente, non dobbiamo porci limiti".

Ma quanto pesa indossare questa maglia, soprattutto per te che hai un cognome altisonante per la piazza?
"Ha un peso specifico questa maglia, ma si vive per questo tipo di emozioni".

A proposito emozioni. Dopo la tiratina di orecchie estive per la scelta, cosa ti ha detto tuo padre del gol?
"Effettivamente una tiratina di orecchie in estate c'è stata! (ride, con riferimento alla lettera aperta dell'attuale tecnico della Ternana, ndr) Per la prima volta, la scelta di cosa fare del mio futuro l'ho presa senza neppure chiedere consiglio, comunque consapevole che venire a Livorno poteva avere più risvolti negativi che positivi, era un salto nel vuoto, ma come dicevo prima non ci ho pensato due volte, e il gol mi ha ulteriormente ripagato della scelta fatta. Per di più, ho rivisto in mio padre quel lato sentimentale che era da un po' che non vedevo. Direi che nel complesso è andato tutto bene".

© Riproduzione riservata