Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw radio

Marchetti: "In Italia servono le idee, non ci sono i soldi. In Serie A serve strategia"

TMW RADIO - Marchetti: "In Italia servono le idee, non ci sono i soldi. In Serie A serve strategia"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
giovedì 29 settembre 2022, 11:33Altre Notizie
di TMWRadio Redazione

Nel corso dell'appuntamento odierno con L'Editoriale su TMW Radio è intervenuto il giornalista di Sky Sport Luca Marchetti. Queste le sue parole:

Come valuti le strategie di mercato delle squadre della Serie A?
“In tanti parlano di abbassare il monte ingaggi, puntare sui giovani e poi però in pochi lo fanno. Vedi anche la Juventus, al ritorno di Allegri si era puntato sui giovani poi però in estate è cambiato tutto. Bisognerebbe avere, secondo me, un po’ più di strategia e dare continuità. Non bisogna lasciarsi prendere dalla continuità, se si crede nella propria filosofia bisogna portarla avanti. Questo è un calcio di idee visto che i soldi non sono troppi. Se sai che stai passando un momento difficile dal punto di vista economico, non puoi pensare solo al risultato quotidiano ma devi avere un quadro generale e lavorare sui giovani futuribili. Altrimenti diventa una rincorsa continua.”

Si può fare un discorso simile anche per le Nazionali e per l’Italia di Mancini?
“Ne abbiamo parlato anche con Mancini nel summit di ieri, la Nazionale ha già un’identità chiara ed è proprio relativa alla valorizzazione dei giovani. Ovviamente resta la delusione della mancata qualificazione al Mondiale, non si è riuscito ad accelerare questo lavoro nel post-europeo. Per troppo tempo non parteciperemo al Mondiale, dobbiamo tutti essere convinti che bisogna fare qualcosa per cambiare il sistema calcio, non solo la Nazionale. Siamo stati anche noi i primi a parlare e abbiamo fatto troppo poco. L’augurio è che tra quattro anni non stiamo a parlare ancora delle stesse cose, perché questo è già successo quattro anni fa e si sta ripetendo quest’anno.”

L’infortunio di Brozovic quanto condizionerà l’Inter contro la Roma a San Siro?
“Sicuramente è un’assenza importante per l’Inter. Ho avuto modo di vedere un report di FifPro, il sindacato dei giocatori, e gli infortuni stanno crescendo in maniera drastica perché si gioca sempre di più. Abbiamo visto ad esempio un Milan-Napoli senza Leao e Osimhen, è stata una bella partita ma è un peccato. Per questo motivo devi avere una rosa lunga ed ecco perché l’Inter ha preso Asllani, che è molto bravo e sarà lui a sostituire Brozovic. In questa pausa di campionato abbiamo parlato tanto di Inter, ma soprattutto a livello societario e di mercato, ma tutto passa dal campo e servirà un risultato importante contro la Roma. Se vinci sabato passano tutte le chiacchiere sul rosso in bilancio e sul futuro di Skriniar, se invece non vinci si ingigantisce tutto.”