Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Barcellona, pres. Assoagenti danese difende Braithwaite: "Trattamento irragionevole, vergogna"

Barcellona, pres. Assoagenti danese difende Braithwaite: "Trattamento irragionevole, vergogna"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport
venerdì 19 agosto 2022, 22:24Calcio estero
di Dimitri Conti

In Danimarca sta facendo molto discutere la situazione di Martin Braithwaite, messo alla porta dal Barcellona ma finora non disposto a rinunciare al contratto che lo lega alla società blaugrana. Uno scenario di tensione, come dimostrato anche dai mugugni degli stessi tifosi culé nei confronti del centravanti. A prendere posizione in difesa del calciatore, nelle scorse ore, ci ha pensato Michael Sahl Hansen, presidente dell'Assocalciatori della Danimarca:

"Il trattamento che sta ricevendo è del tutto irragionevole, siamo probabilmente tra le intimidazioni e le molestie. Vergognoso come il Barcellona stia cercando di cancellare un contratto di lavoro, parliamo di un giocatore che è andato in loro soccorso quando erano in emergenza (si riferisce all'acquisto straordinario operato nell'inverno 2020, pagando la clausola di risoluzione al Leganes quando il Barca doveva fare a meno di Suarez e Dembele, entrambi infortunati a lungo) e ora è lasciato cadere in disgrazia. Dov'è la decenza? Un contratto è un contratto e Martin e il Barcellona hanno concordato altri due anni, entrambi dovrebbero continuare a rispettare la propria parte. Sarebbe bello che uno dei più grandi club del mondo trattasse i propri calciatori con maggior rispetto".