Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Mendilibar: "L'Olympiacos è il Real di Grecia. Che impresa in Conference da sfavoriti"

Mendilibar: "L'Olympiacos è il Real di Grecia. Che impresa in Conference da sfavoriti"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 19 giugno 2024, 16:26Calcio estero
di Michele Pavese

Tre squadre italiane battute e due trofei conquistati in due anni. José Luis Mendilibar ha fatto la storia con l'Olympiacos, prima squadra greca a vincere un titolo europeo. Il tecnico spagnolo si è raccontato in una lunga intervista ad As: "Sono sempre lo stesso, non credo di essermi fermato a pensarci molto. Quando lo faccio mi dico: 'Cavolo, abbiamo fatto una cosa difficile da fare e che pochi allenatori sono riusciti a realizzare'.

L'Olympiacos è il Real Madrid della Grecia e l'obiettivo è vincere sempre, anche se è facile a dirsi. Ora dobbiamo costruire una buona rosa, mantenere i giocatori che sono stati fondamentali per noi e poi metterci al lavoro".

L'addio al Siviglia e la nuova avventura: "Quando ho lasciato il Siviglia, non avevo voglia di allenare. Avevo ricevuto alcune proposte ma le ho respinte. Ma quando è arrivata l'offerta dell'Olympiacos, nonostante la situazione in cui si trovava, con tre allenatori licenziati prima del mio arrivo, ho pensato che c'era una buona materia prima in rosa e che avremmo potuto raggiungere risultati. È stato lo stesso pensiero che ho avuto quando sono arrivato a Siviglia, la situazione era simile. Non mi ero posto l'obiettivo della Conference League, volevo vincere il campionato, cosa che non mi è mai riuscita. Alla fine è successo il contrario, abbiamo vinto quello che non ci eravamo posti come obiettivo.

Penso che la chiave sia stata la sfida degli ottavi di finale contro il Maccabi Tel-Aviv. Abbiamo perso 1-4 in casa e poi abbiamo fatto il colpaccio in Serbia vincendo 1-6 . In quel momento abbiamo pensato che avremmo potuto fare qualcosa di importante; così è stato, prima in semifinale contro l'Aston Villa di Unai Emery, che tutti logicamente davano per favorito, e poi in finale contro la Fiorentina , che aveva già giocato la finale l'anno prima e che era favorita".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile