Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Salernitana, pari a Udine che non serve. Rottura con Dia, si valuta il risarcimento danni

Salernitana, pari a Udine che non serve. Rottura con Dia, si valuta il risarcimento danniTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 3 marzo 2024, 00:41I fatti del giorno
di Gaetano Mocciaro

Udinese e Salernitana non vanno oltre a un pareggio che non serve a nessuno. Entrambe sono in una situazione complicata, quasi disperata nel caso dei campani. Il pari alla fine accontenta di più i friulani, ritrovatisi a giocare in 10 dal 64' per l'espulsione di Ebosele. Tchaouna apre, Kamara rimedia: entrambi i gol spettacolari. Di fatto le uniche note positive.

Un momento difficile per la squadra di Cioffi che in questo 2024 ha vinto solamente una partita, peraltro sulla carta una delle più complicate (a Torino sul campo della Juventus) ma che per il resto ha collezionato 4 pareggi e altrettante sconfitte.

Per la Salernitana una situazione ancor più disperata: Fabio Liverani vedeva nella vittoria l'unico risultato possibile per continuare a sperare, non è riuscito nell'intento nemmeno in superiorità numerica. Solo due punti in questo 2024 per i campani, il primo della gestione del nuovo tecnico. La cosa sorprendente è che nel pomeriggio di Udine il risultato è il problema minore. Sì perché è scoppiato il caso Dia:

Il senegalese, relegato in panchina da Fabio Liverani per la partita contro l'Udinese, si è rifiutato di entrare a sette minuti dalla fine, con i granata che avevano la possibilità ancora di vincere la partita contro un avversario in dieci uomini. Le parole del tecnico a DAZN lasciano poco spazio all'immaginazione, circa il futuro dell'attaccante: "Non ha voluto entrare alla fine. Ha fatto una scelta, che da oggi prenderemo in considerazione. Ne prendo atto con la società, credo che sia una scelta definitiva. Il problema non è per me, ma per i suoi compagni" e sull'eventuale scelta di metterlo fuori rosa ha dichiarato: "Non credo che sia la parola giusta, ma è uno su cui non posso contare".

La società valuta richiesta di risarcimento danni (si parla di cifre milionarie, in pratica quanto è costato sino ad oggi), si sta valutando se ci siano i presupposti legali per una sospensione dello stipendio. Da domani Dia si allenerà ai margini del gruppo, non sarà convocato fino all'ultima giornata ma avrà l'obbligo di seguire in casa e fuori la squadra senza permessi o cose di questo genere. Possibile anche una presa di posizione ufficiale da parte della tifoseria.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile