Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

La Primavera dell’Inter chiude al secondo posto e si conferma semifinalista

La Primavera dell’Inter chiude al secondo posto e si conferma semifinalistaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 18 maggio 2022, 08:45La Giovane Italia
di La Giovane Italia
fonte Rosario Buccarella
Grazie al pari di Genova, l'Inter approda per il secondo anno consecutivo alle fasi finali del Campionato Primavera 1 dalla porta principale.

Il percorso da allenatore di Cristian Chivu nel settore giovanile dell’Inter ha probabilmente toccato il punto più alto da quando ha iniziato la sua seconda vita calcistica. Dopo aver infatti raggiunto un anno fa le prime fasi finali della storia del campionato Under 18, l’attuale tecnico della Primavera nerazzurra ha seguito il suo gruppo della classe 2003 guidandolo anche nella stagione che porterà poi i suoi ragazzi ad approcciare il calcio dei grandi. Inoltre, esattamente come la scorsa stagione, dell’allora Under 19 di Armando Madonna, l’obiettivo final four è stato raggiunto dalla porta principale classificandosi in seconda posizione al termine della regular season alle spalle soltanto della Roma di Alberto De Rossi.

I numeri della formazione nerazzurra sono importanti già se si considera il solo reparto arretrato che parla prettamente italiano e risulta a pari merito con quello dei giallorossi il meno battuto del campionato. William Rovida, dopo una stagione in cui è stato il vice di Filip Stankovic, è risultato uno tra i portieri più affidabili del torneo. La cosa non è nemmeno sfuggita ai nostri occhi, data la sua presenza nell’ultima edizione del nostro almanacco. Stesso discorso vale per tre quarti della retroguardia: Mattia Zanotti (esordiente in Serie A nella gara d’andata col Cagliari), Alessandro Fontanarosa e Franco Carboni non hanno in questo senso bisogno di molte presentazioni. Nel corso della stagione, si è comunque rivelato prezioso anche il contributo dei fuoriquota Alessandro Silvestro ed Andrea Moretti.

Sulla linea dei centrocampisti, il terzetto della formazione tipo, è a sua volta tutto sotto il segno del tricolore. Il più “esperto” del gruppo, ed unico fuoriquota il più delle volte schierato, Mattia Sangalli si piazza nel ruolo di regista davanti alla difesa e, per ovvie ragioni, indossa la fascia di capitano. Sugli interni, invece, i due migliori marcatori di questo campionato per l’Inter: Cesare Casadei e Giovanni Fabbian. Mentre quest’ultimo ha compiuto dopo la scorsa estate il salto di categoria, tra l’altro con un impatto notevole, dati gli 8 gol ed i 4 assist, per Casadei questa è la stagione della conferma (lo scorso anno ha sempre giocato da sotto età nell’Inter di Madonna), avendola chiusa siglando ben 14 reti. Pronto a subentrare, l’ex Livorno Francesco Nunziatini che ha saputo cogliere le opportunità concesse per mettersi a sua volta in evidenza.

Per quanto riguarda infine la disposizione offensiva, la formazione di Chivu ha solitamente schierato un trequartista alle spalle di una seconda punta ed un uomo d’area di rigore. L’abbondanza in termini di calciatori e qualità non manca. Da segnalare, c’è in primis come i nati nel 2005 Valentin Carboni ed Enoch Owusu si siano ritagliati il loro spazio importante all’interno di una concorrenza serratissima. In questo senso, anche Lorenzo Peschetola come trequartista e Fabio Abiuso da “numero 9” hanno dato il loro contributo.

Lo 0-0 con la Sampdoria di domenica era ciò che serviva per avere la certezza matematica della seconda posizione (il risultato è anche andato a favore della Primavera blucerchiata che col sesto posto finale si è inserita nell’ultima posizione di classifica utile per partecipare ai playoff), non resta che attendere dal primo turno la vincente della proprio tra i doriani ed il Cagliari per far partire la missione scudetto!