Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Arrivabene a Tuttosport: "De Ligt? Difficile trattenere chi se ne vuole andare"

Arrivabene a Tuttosport: "De Ligt? Difficile trattenere chi se ne vuole andare"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 30 giugno 2022, 08:13Rassegna stampa
di Micol Malaguti

Maurizio Arrivabene a tutto tondo nella lunga intervista rilasciata alle colonne di Tuttosport dall'amministratore delegato della Juventus. Tanti i temi trattati a partire dal presente del Club bianconero. "Non c’è una nuova Juventus, c’è la Juventus che come obiettivo ha la continuità a mantenere una squadra ad altissimi livelli e mirare ad altissimi traguardi" ha spiegato Arrivabene parlando anche degli obiettivi commerciali della società: "Il “J brand” ha enormi potenzialità. Noi dobbiamo progettare una squadra che in campo deve vincere e un’altra che lavora per espandere il marchio nel mondo".
Molti, poi, i temi di mercato toccati dall'AD, partendo da Pogba per arrivare a De Ligt. "(A Pogba, ndr) Gli stiamo parlando e le cose si stanno evolvendo molto, molto bene. La presenza di certi giocatori è importante sia dal punto di vista tecnico che commerciale, il mio sogno sarebbe avere un giocatore italiano che venga riconosciuto a livello internazionale: un Totti, un Del Piero, un Buffon, un Paolo Rossi del 1982" ha fatto sapere in riferimento al giocatore francese. E' arrivato, poi, un ulteriore chiarimento sulla questione Dybala con il quale "C’era stato un accordo, poi c’è stato l’aumento di capitale, ci siamo tutti presi una pausa, di cui i procuratori erano informati e d’accordo, per effettuare valutazioni all’interno del Consiglio di amministrazione. Ci siamo rincontrati e abbiamo detto che i termini erano cambiati, perché volevamo muoverci in maniera diversa. Per cui da un contratto quadriennale a certe cifre, che vorrei evitare di citare per evitare ulteriori polemiche, siamo passati a un’altra strategia. Anche perché tutti sanno chi è arrivato a gennaio, no? Ma questo non ha compromesso i rapporti, non c’è stata nessuna guerra fra noi e Dybala". Infine, il capitolo De Ligt sul quale da giorni si aggirano voci relativamente alla sua volontà di cambiare aria. "Oggi è impossibile trattenere un giocatore che se ne vuole andare - ha fatto sapere l'AD -. Ma è sempre una questione di numeri, non è che se uno vuole andare via gli rispondi: prego, accomodati. È difficile trattenere un giocatore, però dal tavolo della trattativa bisogna alzarsi tutti e tre soddisfatti. E vale sempre l’articolo quinto: chi ha i soldi ha vinto".