Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Corriere della Sera: "Ungheria, la rinascita calcistica dopo i fasti della Aranycsapat"

Corriere della Sera: "Ungheria, la rinascita calcistica dopo i fasti della Aranycsapat"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 26 settembre 2022, 09:48Rassegna stampa
di Ludovico Mauro

Cinque anni fa l’Ungheria veniva sconfitta da Andorra nelle qualificazioni al Mondiale russo. Da lì arriva Marco Rossi, tecnico pragmatico i cui meriti sono riconosciuti eccome a Budapest. La sua nazionale è un nucleo di 15 giocatori fissi, con altri chiamati a girare, il tutto tenuto insieme con continue video chat. Un metodo che sta dando i suoi frutti, supportato anche dal governo del presidente Orban. In undici anni sono stati stanziati quasi un miliardo di euro per la rinascita calcistica magiara. Decisivo è il contributo che arriva (e arriverà ancora) da oltre confine, dato l’investimento del governo nelle squadre di città con forti comunità ungheresi in Slovacchia, Serbia, Croazia o Romania. Lo dimostrano la naturalizzazione del parigino Nego e dell’inglese Styles e ora quella di Kerkez, senza dimenticarsi che la stella del gruppo, il numero 10 Dominik Szoboszlai, è emigrato a 14 anni a Salisburgo. Una nazione che ha fame di calcio dopo i fasti della Aranycsapat, la squadra d’oro beffata al mondiale svizzero del 1954 dalla Germania. Il tutto è riportato dal Corriere della Sera.

Primo piano
TMW Radio Sport