Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Allegri ha guidato la Juve nella tempesta. Ma i prossimi mesi saranno decisivi per il suo futuro

Allegri ha guidato la Juve nella tempesta. Ma i prossimi mesi saranno decisivi per il suo futuroTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 24 marzo 2023, 07:00Serie A
di Simone Dinoi

Due mesi al termine della stagione 2022/2023, due mesi fondamentali per dare senso al presente, con l’opportunità di centrare gli obiettivi rimasti, ma anche per delineare i progetti futuri. Aprile e maggio saranno mesi decisivi anche per Massimiliano Allegri e il prosieguo del suo lavoro sulla panchina della Juventus.

Per Elkann la guida nella tempesta che ha travolto la Juve.
Dalla rivoluzione del CdA con annesso addio di Andrea Agnelli, alla penalizzazione in classifica nel bel mezzo di un campionato: non è stata sicuramente una stagione consueta quella della Juventus, con Massimiliano Allegri chiamato non solo ai compiti di campo ma anche a quelli di mantenimento dell'equilibrio mentale dei suoi giocatori. John Elkann nelle ore successive al ribaltone societario ha prodotto un endorsement che ha dato grande forza al tecnico livornese: “Massimiliano Allegri rimane il punto di riferimento dell’area sportiva della Juventus: contiamo su di lui e su tutta la squadra per continuare a vincere come hanno dimostrato di saper fare nelle ultime giornate, mantenendo alti i nostri obiettivi sul campo”. Allegri s’è rivelato perfetto nel ricoprire questo ruolo, l’unico probabilmente capace di gestire così tanti drastici cambiamenti.

A fine anno si tireranno le somme e si delineerà il futuro.
Il punto di partenza non può che essere il contratto fino al giugno del 2025 che, con i bonus, sfiora la doppia cifra. Da un lato un legame ancora lungo, dall’altro costi in questo momento elevati per il progetto di abbattimento che la Juventus ha iniziato da qualche mese. Poi, a prescindere dai conti, ci sono i risultati del campo che per forza di cose devono portare a ragionare sul rendimento del passato e su quello che può essere il futuro. La cocente eliminazione ai gironi di Champions League e uno scudetto (obiettivo dichiarato di inizio stagione) per cui Madama mai è stata in lotta da una parte, la possibilità di vincere Coppa Italia ed Europa League più la capacità di mantenere la rotta salda nelle difficoltà dall’altra. Tante le valutazioni che verranno fatte, molte ancora tutte da scrivere: anche il futuro di Massimiliano Allegri a Torino sarà scritto nei mesi che verranno.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile