Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Christillin: "La Juventus parte acciaccata ma dobbiamo essere ottimisti e proiettivi"

Christillin: "La Juventus parte acciaccata ma dobbiamo essere ottimisti e proiettivi"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
domenica 14 agosto 2022, 13:19Serie A
di Andrea Piras

Intervistata dall'edizione odierna della Gazzetta dello Sport, la delegata Uefa nel consiglio Fifa Evelina Christillin ha parlato della Juventus: "Né pessimismo né occhi foderati di prosciutto. La Juventus parte acciaccata, questo è un dato di fatto, e sappiamo che la formazione che vedremo domani, senza Pogba, Szczesny e Chiesa giusto per citare i più importanti, non può essere definitiva. Dobbiamo essere ottimisti e proiettivi, certo è che Allegri, dicendo che la Juventus ha il dovere di provare a vincere lo scudetto, si è preso un bell’impegno".

Vede una Juventus ancora indietro rispetto alle milanesi?
"Io penso che in questo momento Milan e Inter abbiano qualcosa in più, noi abbiamo perso De Ligt e Dybala, ci siamo pure rinforzati ma lo stop di
Pogba è stato un brutto colpo. Però Paul rientrerà e abbiamo un allenatore che vuole risalire la china dopo una stagione infelice. La società ha dimostrato fiducia con l’aumento di capitale, la campagna acquisti è stata prudente come era giusto che fosse in questo momento economico così particolare, ma io m’aspetto altri innesti e soprattutto uno scatto d’orgoglio dei bianconeri in una stagione un po’ pazza, interrotta dal Mondiale, che per la Juventus sarà cruciale, perché il 2023 sarà l’anno del centenario della proprietà Agnelli".