Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Come per Hakimi un anno fa: su Skriniar è lotta PSG-Chelsea. E l’esito potrebbe essere lo stesso

Come per Hakimi un anno fa: su Skriniar è lotta PSG-Chelsea. E l’esito potrebbe essere lo stessoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 28 giugno 2022, 15:45Serie A
di Simone Bernabei

“Su Skriniar ci sono interessi di più squadre. Poi valuteremo con calma, siamo sempre nella situazione di non voler rinunciare a nessun giocatore a meno che non sia lui a richiedere di essere trasferito”. Parlava così nelle scorse ore Beppe Marotta, lasciando intendere come sul difensore slovacco non ci fosse solo il PSG. Da tempo l’Inter è in trattativa coi parigini, che ad oggi non hanno ancora presentato l’offerta giusta per convincere i nerazzurri mentre col giocatore esiste già una base di accordo.

Parallelamente però le parole di Marotta hanno spiegato come esistano anche altre big interessate. E una di queste è appunto il Chelsea. Che per il momento non ha accelerato in alcun modo e forse mai lo farà, visto che il primo nome per i Blues sembra essere quello di Matthijs de Ligt della Juventus. Dovesse saltare l’olandese, ecco che potrebbe partire l’assalto a Skriniar, ma ancora non siamo a quel punto. Quel che è certificato è il gradimento dei londinesi, per un possibile testa a testa che ricorda molto da vicino quello dello scorso anno per Achraf Hakimi: il marocchino inizialmente sembrava ad un passo dal trasferimento a Stamford Bridge, poi l’irruzione parigina ha cambiato le carte in tavola. E anche in questa occasione, allo stato attuale, sembra essere ancora una volta questa la soluzione più probabile.