Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

È il mondiale di Messi? Finora non quello di Lautaro: il Toro fatica nella vetrina dei big

È il mondiale di Messi? Finora non quello di Lautaro: il Toro fatica nella vetrina dei bigTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 27 novembre 2022, 08:45Serie A
di Ivan Cardia

Qatar 2022 può essere il mondiale di Lionel Messi: da ieri sera, c'è una possibilità in più. Dopo il deludente esordio contro l'Arabia Saudita, la Pulce ha deciso il successo dell'Argentina sul Messico. In questo ultimo tango, il rosarino spera di ballare sino alla fine: la vittoria di ieri sera, sebbene non convincente fino in fondo, dà alla Seleccion la speranza di poter supportare il proprio numero 10 nella corsa all'unica cosa che gli manca per potersi considerare grande più di Diego. O quanto lui. O comunque meno, non è questo il punto.

Di sicuro, non è il mondiale di Lautaro. Almeno, non per quanto visto finora. Male contro i sauditi, malissimo contro Lozano&Co. Il Toro è stato con ottime probabilità il peggiore in campo nella selezione di Scaloni, e in Argentina c'è chi inizia a chiedersi perché non si possa almeno provare Dybala in una posizione che in fin dei conti ha già ricoperto in carriera. Quanto al bomber dell'Inter, i 153 minuti più recupero raccolti finora raccontano di zero gol, zero assist, un paio di votacci. L'impatto col primo mondiale, per ora, non è stato dei migliori.

Come in Champions… Del resto, il rapporto fra Lautaro e le competizioni calcistiche di altissimo livello è quantomeno complicato. La felice Copa América 2021 (tre gol in sei gare) rimane l'eccezione. Basti pensare alla Champions League: nell'Europa che conta, il 10 nerazzurro ha segnato gol magari anche pesanti, ma pochi. Solo otto in ventinove gare, praticamente uno ogni 250 minuti. La differenza con la Serie A, ove la media migliora sino a una rete ogni 150 minuti, è troppo evidente per essere ignorata. Niente di nuovo sotto il sole, per un giocatore che ha qualità indiscutibili, ma anche in Qatar fatica a esprimerle. O, almeno, ha faticato finora.

Tutti tranquilli in casa Inter. Sui mondiali come vetrina si fa tanta retorica, ma è vero che la rassegna iridata è l'occasione per mettersi in mostra. E la fila per Lautaro Martinez è lunga: di recente Salihamdzic ha confermato l'interesse del Bayern Monaco, non certo l'unico club europeo a pensarci. La stima rimarrà a prescindere dal mondiale, ma quello visto sin qui è un giocatore che può fare meno gola alle grandissimi d'Europa. Anche grazie a Messi, però, ha ancora tempo per cambiare questo status.

Primo piano
TMW Radio Sport