Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Hellas, la crisi dell'attacco preoccupa. L'ultimo gol di un giocatore offensivo risale al 31 agosto

Hellas, la crisi dell'attacco preoccupa. L'ultimo gol di un giocatore offensivo risale al 31 agostoTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 27 ottobre 2022, 09:30Serie A
di Luca Chiarini

È l'eco di un allarme che ha raggiunto distanze inaudite quello che si riverbera dall'attacco del Verona. I numeri sono impietosi: appena quattro i gol siglati in undici giornate dall'intero reparto, distribuiti tra Henry (l'unico ad averne due all'attivo), Lasagna e Kallon. Troppo poco. In senso assoluto e non relativo, perché se il paragone con lo scorso anno non è scomodabile per l'evidente divario tecnico con chi fino a qualche mese fa occupava le tre caselle più avanzate, nemmeno l'oggettivo ridimensionamento del parco attaccanti e trequartisti può giustificare l'inquietante sterilità offensiva della squadra appena ereditata da Bocchetti.

È proprio questa la sfida più impegnativa piombata sulle spalle del neo-allenatore gialloblù. L'ultimo regalo del pacchetto avanzato risale addirittura al 31 agosto scorso: gol di Kallon, nell'1-1 del Castellani contro l'Empoli. Da allora, a riempire il serbatoio di reti dell'Hellas è stata principalmente la batteria di esterni (due volte Doig e una Depaoli), con un importante contributo della difesa (contro il Milan aveva illuso Gunter, a Reggio Emilia Ceccherini ha colto di sorpresa Consigli con una traiettoria beffarda). L'avvio di Henry è stato promettente (due timbri nelle prime due), ma a lungo andare il francese s'è spento. Lasagna è riprecipitato nel vecchio cono d'ombra dopo un primo scorcio di stagione scoppiettante che, per un breve periodo, era parso poter riscrivere la sua esperienza a Verona. Verdi ha lanciato segnali ma è ancora a secco, Hrustic ha pagato l'adattamento ad un nuovo campionato e ora rimarrà ai box per qualche tempo causa infortunio, Piccoli continua ad essere sostanzialmente un oggetto misterioso. E la lista potrebbe continuare.

Posto che il primo requisito per evitare la retrocessione resta la solidità della difesa, oggi la seconda peggiore in Serie A, prescindere dal contributo degli attaccanti è impensabile. E dunque Bocchetti chiede una svolta, a tutti. Ma soprattutto ai suoi giocatori offensivi. Per uscire dalle sabbie mobili di queste sei sconfitte consecutive, e far decollare (questa volta per davvero) l'operazione risalita.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile