Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Milannews.it - Maignan e Leao, i due talenti d'oro del Milan. E Pioli nomina anche Theo

Milannews.it - Maignan e Leao, i due talenti d'oro del Milan. E Pioli nomina anche TheoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 16 agosto 2022, 09:15Serie A
di Daniel Uccellieri

Venerdì, alla vigilia della partita contro l'Udinese, France Football ha annunciato i trenta finalisti per il Pallone d'Oro 2022. Un gruppo di calciatori, ovviamente, ricco di grandissimi nomi. E tra questi, per la gioia e la soddisfazione del club di via Aldo Rossi, sono stati inseriti i milanisti Mike Maignan (candidato anche alla vittoria del Premio Yashin, riservato al miglior portiere al mondo) e Rafael Leao, l'assoluto trascinatore del Diavolo nella parte finale dello scorso campionato. Due nomi che hanno fatto la differenza nella cavalcata scudetto e che, sicuramente, meritavano una vetrina del genere. Senza dimenticare, poi, Theo, uno degli esclusi - verrebbe da dire - di lusso. Una scelta non condivisa dal tecnico del Milan, Stefano Pioli, che si è espresso così nel finale di gara di sabato sera: "Avrei messo Theo Hernandez nei 30, ma non so quanti difensori ci siano in lista".

LA COPPIA D'ORO - Sfiorata la tripletta, Pioli si gode comunque la nomination della coppia d'oro. Due fantastiche rivelazioni - frutto anche della conoscenza calcistica della dirigenza rossonera e della valorizzazione dei propri giocatori messa in atto dal tecnico toscano - ma con storie differenti. I due, però, sono accomunati dalla voglia di essere sempre protagonisti e di volersi migliorare sia dal punto di vista fisico che da quello tecnico. Ora non resta che attendere il risultato finale, sperando che entrambi possano entrare nei primi quindici/venti per poter accrescere la propria fiducia ed entrare così nell'élite del calcio europeo. Valorizzando, in questo modo, anche il progetto sportivo del Milan, club in assoluta ascesa dopo il buio durato quasi un decennio.