Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juve in crisi? Galli: "Allegri gioca molto sull'avversario, ci sono allenatori più coraggiosi"

Juve in crisi? Galli: "Allegri gioca molto sull'avversario, ci sono allenatori più coraggiosi"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 1 aprile 2024, 12:38Serie A
di Tommaso Bonan

"Questo inizio di 2024 per la Fiorentina è stato al di sotto delle aspettative, con tante delusioni con le squadre della parte destra della classifica. La squadra si è un po' persa, forse il post-mercato di gennaio ha lasciato delle scorie, non si è più ritrovata. Ovviamente la recente scomparsa di Joe Barone ha portato sconforto. La partita contro il Milan l'ha fatta, ha avuto le sue occasioni, ha trovato di fronte un grande Maignan e ha mostrato le sue lacune difensive. La Fiorentina ha un po' perso il suo filo, in più non si sa neanche se l'allenatore rimane o va via". Così Giovanni Galli, ex portiere di Milan e Fiorentina, ospite di Radio Anch'io Sport su Rai Radio 1, su Fiorentina-Milan di sabato sera, con la vittoria in trasferta dei rossoneri per 2-1.

"Il Milan, se trova gli spazi come a Firenze, va a nozze. Leao è un giocatore meraviglioso 10 minuti a partita. Se trovasse continuità all'interno della stessa partita, sarebbe da Pallone d'oro. Pioli lo conosco bene, è un uomo straordinario ed è un bravissimo allenatore. Nei rapporti interpersonali è un mago e riesce sempre a tirar fuori dai suoi giocatori qualcosa di straordinario".

Divario tra Inter e Milan: "L'Inter è sicuramente la più forte del campionato. Il Milan era riuscito a recuperare sull'Inter due anni fa, ma quest'anno l'Inter ha avuto una grande continuità. Non ci sono magari 14 punti tra Milan e Inter, ma 6-7 ci sono tutti, l'Inter rimane superiore al Milan e a tutte le altre".

Crisi Juventus: "Storicamente la Juve ha avuto sempre giocatori pronti per vincere subito. Negli ultimi anni dopo l'uscita di Sarri la Juve ha preferito i giocatori all'allenatore. Allegri è un grande gestore e tattico, ma se non hai i campioni che ti possono risolvere le partite, puoi precipitare velocemente. La Juve è franata e era a venti punti dall'Inter. Serve un'idea di calcio. La Juve vive dei propri campioni, in questo momento hanno le polveri bagnate. Chiesa e Vlahovic non stanno rendendo come in passato. La Juve non può permettersi di aspettare sempre gli errori dell'avversario, deve imporsi, deve giocare le partite per vincere".

Su Allegri: "La sua cultura è quella di giocare molto sull'avversario. Ci sono degli allenatori che hanno più coraggio come Italiano. La Juve cerca non di perderla ed eventualmente di poterla vincere. Con i giocatori che ha la Juve è troppo in ritardo. Non credo comunque sia solo colpa dell'allenatore. La Juve tutta ha delle responsabilità, dovranno ripartire perché la vecchia Signora sta mancando a questo campionato".

Futuro Fiorentina: "Italiano è un allenatore in crescita, ha fatto molto bene con alti e bassi. Ma ha avuto il merito di trasformare una squadra depressa a protagonista. Credo che per lui sia arrivato il momento di una nuova sfida, credo sia giusto. La piazza di Firenze è esigente, chiede chiarezza: vuole capire se si prosegue sulla linea degli ultimi anni o se ci sarà un salto di qualità definitivo. In questo senso la morte di Joe Barone non aiuta, servirà un po' di tempo per poter stabilizzare l'ambiente e le idee del presidente Commisso. Quella della Fiorentina è una situazione tutta in divenire. Bisogna aspettare un po' di tempo per far digerire e metabolizzare la scomparsa di Joe Barone".

Vicario alla sua prima in azzurro: "Sono felice, riconosco che Donnarumma sia un grande portiere. Però quando vedo l'eleganza, la personalità, la figura di Vicario mi si apre il cuore. Donnarumma è imponente e che non ti fa vedere la porta dietro, Vicario invece è proprio una bella figura, appaga l'occhio, è elegante. Sono felice per lui. Se Donnarumma davanti a sé ha avuto un'autostrada, Vicario è arrivato in Serie A e in azzurro facendo la Via Crucis. Ha sofferto tanto e si è meritato la convocazione e l'esordio in Nazionale".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile