Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
Live TMW

Lazio, Tudor: "Atalanta modello da seguire. Kamada? La sua volontà è di rimanere"

Lazio, Tudor: "Atalanta modello da seguire. Kamada? La sua volontà è di rimanere"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 25 maggio 2024, 14:20Serie A
di Lorenzo Di Benedetto

Alla vigilia della sfida contro il Sassuolo, ultima giornata di Serie A, il tecnico della Lazio, Igor Tudor, prenderà la parola in conferenza stampa alle ore 14. Segui su TMW la diretta testuale.

14.02 - Inizia la conferenza stampa. "Vogliamo finire nel miglior modo possibile, facendo una balla gara e mi aspetto una grande Lazio contro una squadra già retrocessa. Questo potrebbe far sembrare la partita in un certo modo ma non mi fido. Dobbiamo dare il massimo".

L'Atalanta può essere un modello per la Lazio?
"Il calcio di Gasperini lo conosciamo tutti, fa bene da tanti anni. Lui come la società ed è un modella da seguire. La crescita ha permesso loro di avere una grande squadra, con programmazione, idee e con l'allenatore al centro del progetto. Questo è il modello da seguire non solo in Italia, anche nel resto d'Europa".

La rosa va rivoluzionata?
"C'è gente perfetta che può rimanere, altri invece che fanno più fatica. Devo comunque fare i complimenti alla squadra, mi hanno dato tutti disponibilità e siamo andati bene. Domani ci siederemo e programmeremo il futuro e la prossima stagione".

Kamada è in bilico. Sta cercando di capire se resterà alla Lazio?
"La sua volontà di rimanere c'è. Dovrà vedersi con la società per andare avanti. Ripeto, la volontà del giocatore c'è, speriamo di arrivare al dunque molto presto".

Cosa c'è da migliorare in vista della prossima stagione?
"Credo non ci sia mancato nulla, anzi abbiamo fatto tante buone cose facendo bene dalla prima all'ultima gara, poi non si possono vincere tutte, non ci riescono neanche Manchester City e Real Madrid. Sono contento del lavoro fatto e fiducioso per il futuro, c'è una buona base per fare bene. Il bilancio è positivo".

Si ripartirà dai giovani o si cambierà per avere giocatori diversi?
"Ne discuteremo, tutti i club vogliono giocatori forti e giovani. Tutti vogliono giovani fenomeni che ti portano subito a fare risultato. Bisogna vedere ed essere bravi nel creare la squadra, come in ogni settore del lavoro la qualità serve e bisogna essere bravi a scegliere bene, a quel punto si farà una bella stagione, sennò non si fa bene. La bravura è ciò che fa la differenza. Vedremo se saremo in grado di fare il lavoro sul mercato in modo giusto e far contenti tutti quanti".

Ha detto che il modello Atalanta è da seguire anche perché mette l'allenatore al centro del progetto. Si sente così alla Lazio?
"Mi sento importante sotto tutti i punti di vista. Quando ci siamo parlati all'inizio gli accordi erano questi, altrimenti non avrei accettato. La Lazio ha sempre dato importanza all'allenatore e lo ha protetto. Questo mi è piaciuto ed è una delle ragioni che mi ha fatto decidere di venire qui. Abbiamo fatto due mesi buoni con il direttore, ora dobbiamo fare un grande lavoro di programmazione per la prossima stagione, perché se sbagliamo poi soffriremo. Devo essere importante nelle scelte, dopo la partita ci metteremo a lavoro".

Sarà l'ultima partita di Felipe Anderson. Fosse stato per lei lo avrebbe blindato?
"Lo conoscete meglio di me. Quello che ho visto io è un ragazzo che tutti vorrebbero avere, eccezionale e anche troppo buono dal punto di vista umano. Sorride sempre, non fa casini e ha valori umani che nello spogliatoio servono sempre. Poi c'è il giocatore, completo, che può giocare ovunque. Ho detto tutto con le mie parole e ho risposto in questo modo alla domanda".

Ha un rimpianto per non essere arrivato a fine campionato in lotta per la Champions?
"Dal punto di vista mentale siamo cresciuti abbastanza. L'ultima gara contro l'Inter ne è la dimostrazione. Avevano già vinto ma hanno messo in campo la formazione migliore. Noi abbiamo messo la giura cattiveria in campo, ho visto tutte la partite della Lazio quest'anno e ho avuto buone risposto, visto che l'Inter è una squadra dell'altro mondo. Abbiamo fatto anche alcuni sbagli ma è normale. Dobbiamo imparare in fretta e in questi mesi ho scoperto qualcosa dei miei giocatori".

Domani ci sarà il saluto a Eriksson, ha mai parlato con Boksic di lui?
"Sarà un momento emozionante, Alen mi parlava tanto delle sue dote come persona e allenatore. Sicuramente sarà un piacere vedersi, sentire le sue parole sarà emozionante. Magari ci darà le motivazioni per fare una bella gara".

Come può mettervi in difficoltà il Sassuolo?
"Sotto tutti i punti di vista. Il Sassuolo per rosa non merita la retrocessione. Io non mi fido di niente e di nessuno, ne ho già parlato con i ragazzi. Ci sono migliaia di esempi di partite che sembravano già vinte e non lo sono state. Io l'ho preparata come una finale".

14.20 - Termina qui la conferenza stampa di Tudor.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile