Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Le pagelle dell'Inter - Lautaro sfrutta l'occasione. Cuadrado meglio di Dumfries

Le pagelle dell'Inter - Lautaro sfrutta l'occasione. Cuadrado meglio di Dumfries
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 26 novembre 2023, 22:54Serie A
di Ivan Cardia

JUVENTUS-INTER 1-1
(27' Vlahovic; 33' Lautaro)

Sommer 6 - Sul gol subito non può molto. Verso il 70' ordina uno spritz per rendere più frizzante la sua serata.

Darmian 5,5 - Portarsi Chiesa in area non è mai una buona idea e l'Inter paga dazio.

De Vrij 5,5 - Passi che Dusan non segna da due mesi, ma lasciargli tutto quello spazio in area è un regalo di Natale in grande anticipo.

Acerbi 6 - Qualcuno lo ha definito il vero capitano dell'Inter, forse non è così sbagliato. Fa buona guardia sul poco e nulla della produzione offensiva juventina.

Dumfries 5,5 - Serata in versione pasticcione: perde una palla sanguinosa e Vlahovic punisce tutti. Fa arrabbiare anche Lautaro, qualche incertezza sparsa qua e là nella partita. (Dal 70' Cuadrado 6,5 - I fischi lo galvanizzano? Di sicuro altro passo e altro piede. Un buon promemoria di cosa non ha dato all'Inter finora).

Barella 6,5 - Il mismatch con Rabiot è il solito e infatti cerca fortune in altri lidi, inebriando pubblico e compagni con un tacco che è un gioiellino. (Dall'88' Frattesi s.v.).

Calhanoglu 5,5 - Forse sorpreso che Allegri non gli abbia edificato intorno una gabbia ad hoc - e infatti i palloni toccati sono in tripla cifra - non riesce ad accendere la luce dell'Inter come in tante altre occasioni. (Dall'83' Asllani s.v.).

Mkhitaryan 6 - Lo strepitoso centrocampo nerazzurro si regala una serata da compitino, sufficienza e poco altro. Lotta, ma non incide.

Dimarco 6 - Quasi mai in mezzo al campo, sul fondo ci arriva spesso: galleggia attorno alla sufficienza, senza infamia e senza lode. I 180' azzurri hanno il loro peso. (Dal 70' Carlos Augusto 6 - Si sente meno il cambio di passo rispetto alla fascia opposta).

Thuram 6,5 - L'Inter di quest'anno ha il turbo: quando pigia sull'acceleratore, parte e svernicia gli avversari. Però lo fa solo una volta: il duello con l'amico di infanzia Chiesa finisce un assist a uno, forse si aspettavano entrambi di meglio. (Dall'88' Arnautovic s.v.).

Lautaro 7 - Per il gol, che ha un peso specifico altissimo: contro una formazione che concede così poco, è importante sfruttare le rare occasioni a disposizione. Attitudine da leader, forse frenato dalla stanchezza per i voli intercontinentali, non offre altri gioielli.

Simone Inzaghi 6 - Allegri non voleva perdere, lui voleva vincere: obiettivo meritorio, ma il risultato l'ha raggiunto il livornese. Contro il quale continua a faticare nel trovare soluzioni alternative: è diventato la kriptonite di Pioli, ma di Max ancora no. Visto che la Juve è comunque più forte di quanto dica di essere, è comunque un punto utile.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile