Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
live

Lazio, Sarri: "A Roma c'è la tendenza a santificare a fenomeni troppo velocemente"

LIVE TMW - Lazio, Sarri: "A Roma c'è la tendenza a santificare a fenomeni troppo velocemente"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport
martedì 26 ottobre 2021 14:47Serie A
di Riccardo Caponetti
fonte Dall'inviato a Formello (Roma)
PREMERE F5 PER AGGIORNARE LA DIRETTA

Dopo due giorni di ritiro a Formello, domani la Lazio cerca il riscatto all'Olimpico contro la Fiorentina. La partita verrà presentata oggi dal tecnico biancoceleste Maurizio Sarri, atteso alle 14.30 in sala stampa. Segui la diretta testuale della conferenza su TuttoMercatoWeb.com!

14.31 - Inizia la conferenza stampa:

La Lazio è pronta per ripartire?
"Si spera di sì, sappiamo le risposte che dobbiamo dare. Penso che la squadra sia pronta, ho visto l'atteggiamento giusto in questi giorni".

Bene con le grandi, male con le piccole: la Fiorentina è una big?
"È una squadra forte, ha un gioco completamente diverso dal passato. Ha fatto più vittorie in trasferta che in casa, potrebbe avere un futuro importante".

La Lazio è in ritiro per decisione della società: che momento è?
"Un momento di riflessione. Andando a scavare con i ragazzi, abbiamo visto che questi alti e bassi si stanno ripetendo da un anno e mezzo. E quasi sempre si verificano con le squadre di seconda fascia. Dobbiamo fare delle correzioni, perché alla base c'è qualcosa di sbagliato in alcuni approcci. Inoltre si verificano sempre alla terza partita settimanale, in cui i dati fisici non sono diversi dalla prima. Sono le energie mentali che cambiano".

Cosa sta succedendo a Luis Alberto?
"Su 12 partite 8 le ha fatte da titolare e in 4 è entrato per 40 minuti. Ci sono momenti della stagione in cui le necessità del singolo non sono le stesse della squadra. Speriamo di risolvere i nostri problemi, così ci possiamo permettere Luis Alberto sempre in campo".

Lei ha subito parlato di anno di transizione: non è stato un autogol? Così i giocatori possono avere degli alibi...
"Sono trent'anni che faccio questo mestiere e questa è una delle squadre più disponibili che abbia mai avuto. Dobbiamo continuare a martellare e lavorare. Gli alibi? Sono cazz***. Spesso la comunicazione esterna e interna non coincidono: a te giornalista dico una cosa, al giocatore un'altra".

Domani sfida tra Immobile e Vlahovic?
"I giocatori importanti possono sempre decidere il risultato. Ciro da anni segna in modo impressionante, Vlahovic è giovane e forte. Saranno importanti".

Leiva come sta andando? Domani ci dobbiamo aspettare Cataldi?
"A livello di caratteristiche, Leiva per noi è adatto. Poi c'è un problema di tenuta, anche perché vogliamo giocare a ritmi alta. Ci sta bene però se Leiva ci garantisce un'ora con una certa intensità, anche perché dietro c'è Danilo che sta crescendo molto".

Deluso dal centrocampo della Lazio? Aveva detto, ai tempi della Juventus, che era uno dei migliori d'Italia...
"Sono giocatori forti, ma a Roma c'è la tendenza a santificare a fenomeni troppo velocemente. Serve il lavoro. Erano abituati a giocare con 3 centrali e 2 esterni che garantivano coperture laterali, una sottopunta che partecipava. Se giochi con 3 punte e il campo da coprire aumenta e si complica un po' la vita. È una questione di abituarsi a un certo tipo di lavoro: fin quando i tempi e le distanze non si accorciano corriamo tanto e a vuoto. A tratti diamo la sensazione di arrivare sempre secondi sulla palla, anche se i dati dicono il contrario".

Come si lavora sulla mentalità? Che metodo utilizza?
"Per risolvere un problema va presa coscienza che esiste questo problema. Abbiamo tirato fuori dei dati da maggio scorso e c'è una ripetitività di alcune situazioni. Una squadra che gioca con un'efficienza tecnica del 93%, un livello da Champions, la partita dopo passa all'87%, che è un livello di bassa Serie B. Bisogna rimanere sempre su certi livelli, spero che i ragazzi abbiano capito ciò. Inoltre, visto che questi cali avvengono con squadre di seconda fascia, bisogna essere più umili. Per diventare grandi dobbiamo ancora lavorare tanto".

L'alternanza dei terzini:
"Stanno tutti giocando con una discreta regolarità. Marusic aveva già responsabilità difensiva, avendo fatto anche il terzo centrale. Lazzari deve fare un percorso più lungo, è un quinto di centrocampo puro. Ma come lui tutta la squadra ha ancora tanta strada davanti. È un momento delicato".

Ore 14.47 - Finisce la conferenza stampa.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000