Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, Ibrahimovic: "Non voglio fare cose normali, ma voglio fare la differenza"

Milan, Ibrahimovic: "Non voglio fare cose normali, ma voglio fare la differenza"TUTTO mercato WEB
giovedì 29 febbraio 2024, 20:08Serie A
di Lorenzo Di Benedetto

Zlatan Ibrahimovic è intervenuto poco fa al Business of Football Summit organizzato dal Financial Times. Queste le sue parole.

Si inizia con una prima domanda ironica: come ha fatto Cardinale a farle accettare questo ruolo? Le ha promesso di diventare miliardario?
"E chi lo dice io non lo sia già? (ride, ndr). Ho incontrato Cardinale tre mesi dopo il mio ritiro dal calcio giocato, ho conosciuto la sua persona e lui è stato aperto al mio modo di vivere, di fare le cose. Quando sei un calciatore professionista segui un programma preciso e la tua vita è meno libera, poi finalmente ero libero... Ma Gerry mi ha mandato una foto e mi ha fatto un'offerta che non potevo rifiutare. Cardinale mi ha aperto le porte, mi ha dato un'opportunità in un mondo diverso che non era il mio 'normale'. Ma sono eccitato, ho tanta ambizione. È tutto nuovo, parto da zero. Ho tanto da imparare, tanto da migliorare, ma tanta voglia di fare il meglio steo by step. Sono concentrato sul Milan. Il segreto del successo è il lavoro duro. Abbiamo grande ambizione: c'è la visione di Cardinale e la visione italiana".

Qual è la tua relazione con lo staff? Cosa è cambiato?
"Non ho molto da dire, è facile... No, sto scherzando! Io sono un ex giocatore, ero con questi ragazzi fino a qualche mese fa. C'è un enorme rispetto tra noi e, ovviamente, la situazione è cambiata con il ruolo che ho oggi. Bisogna prendere decisioni non facili, non essere amico, per il bene del team, del club e per il futuro. Devo aiutare in un modo diverso. Sono fiducioso per il futuro:è una squadra giovane, bella, si può vincere, la squadra sta migliorando, sta crescendo il management intorno; ci sono differenti mentalità, differenti opinioni".

Come è messa la Serie A?
"Ovviamente, c'è un grande gap tra la Serie A e gli altri campionati, a cominciare dal budget. C'è un effetto domino: con tutto il rispetto per la Serie A, non c'è competizione. Serve qualcosa di nuovo. Ad esempio, con il nuovo stadio Gerry darà a tifosi quello di cui hanno bisogno. A San Siro mancherò più io di quanto San Siro mancherà a me. In quello stadio ho grandi ricordi, è uno stadio storico e tanta storia è stata fatta lì, ma tutto ha un nuovo inizio. Col nuovo stadio c’è la possibilità di fare qualcosa di incredibile, di pazzesco. Il Milan non è il proprietario di San Siro, ma vuole essere proprietario dello stadio per fare quello che vuole; tutto ha un nuovo inizio: per i tifosi sarà qualcosa di 'massive', per i giocatori che non vedranno l'ora di giocare lì".

De Laurentiis ha detto che gli agenti sono il cancro del calcio...
"Gli agenti ci saranno sempre, loro hanno tanta influenza. Il loro lavoro è molto vario: devono proteggere il giocatore e farlo crescere nel calcio. Io ho avuto il migliore agente (Mino Raiola, ndr), ma il loro apporto dipende da quanto potere e influenza gli dai".

Cosa ne pensa della Saudi League?
"Quando arrivano certe offerte è difficile rifiutare, ma il calcio è per tutti, ma non penso che influirà sul calcio europeo. È una cosa positiva perché porta nuovi soldi nel mondo del calcio".

Quale sarà il suo futuro?
"Difficile saperlo. Lavorare con Cardinale mi porta a un altro livello. Ho tanto da imparare, tanto da migliorare. Voglio andare dentro le cose dello sport, del business. Non voglio fare cose normali, ma voglio fare la differenza. Voglio provare a fare la differenza. Non ho molta esperienza nel business, ma non ho paura e mi piacciono le sfide".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile