Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Olanda in Final Four, rinascita targata van Gaal: un calcio alla crisi e al cancro verso il Qatar

Olanda in Final Four, rinascita targata van Gaal: un calcio alla crisi e al cancro verso il QatarTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
lunedì 26 settembre 2022, 18:11Serie A
di Pierpaolo Matrone

Ultimo tango in Qatar. Il futuro dell'Olanda è già scritto: Louis van Gaal guiderà la nazionale al prossimo Mondiale, poi dal 2023 la squadra passerà nelle mani di Ronald Koeman. A lui, a prescindere da come andrà la kermesse più importante al mondo, l'arduo compito di proseguire l'opera di rinascita portata avanti nel migliore dei modi dall'attuale commissario tecnico.

Numeri e fatti
Bastano i numeri e i fatti, a van Gaal, per descrivere l'impatto ottenuto con un calcio che sembrava in crisi. Da quando, il 4 agosto del 2021, tornò sulla panchina Oranje al posto del dimissionario de Boer, LVG ha collezionato 11 vittorie e 4 sconfitte in 15 partite. Un ruolino che gli ha permesso di raggiungere un doppio obiettivo, uno sbandierato dalla Federazione e l'altro no: la qualificazione al Mondiale in Qatar, che come vedremo era tutt'altro che scontata, e il trionfo nel girone di Nations League che porterà l'Olanda a giocarsi un titolo - per quanto meno importante di Europeo e Coppa del Mondo - nella Final Four che si terrà a giugno 2023. L'avessimo detto agli olandesi un annetto fa, di questi tempi, ci avrebbero rinchiusi in manicomio.

Un calcio alla crisi...
Facile crederci, guardandosi indietro. A quelle latitudini si era reduci dalla cocente eliminazione da Euro 2020, agli ottavi di finale, per mano di una modesta Repubblica Ceca. Ma, soprattutto, visto che è la somma (delle delusioni) a fare il totale, è bene ricordare la crisi in cui il calcio olandese sembrava esser piombato negli anni precedenti, tra una nazionale che non funzionava e un campionato sempre meno competitivo, finito anche ai margini della UEFA con la nuova riforma della Champions League. Dopo l'exploit con la finale Mondiale nel 2010, gli arancioni erano scomparsi dalle grandi manifestazioni. Agli Europei del 2016 non si qualificarono, al Mondiale russo del 2018 idem con patate. Eppure di talenti, come al solito, ne venivano fuori ma in nazionale non incidevano. Poi, dopo lo stop per il Covid, nell'intruglio del calcio in crisi post-pandemica, una lenta risalita con Koeman e de Boer, prima di arrivare al miglior c.t. degli ultimi tempi, amatissimo in Olanda: van Gaal, per l'appunto.

...E uno al cancro
La storia assume i tratti della favola quando il protagonista è l'allenatore di Amsterdam, olandese doc, ex campione d'Europa, una leggenda. Quando in piena estate 2021 ha accettato l'incarico, Louis van Gaal ha deciso di combattere un'altra battaglia, ma era al centro di una guerra ben più drammatica. Un cancro alla prostata lo aveva in parte allontanato finanche dal suo amore, il calcio, ma le passioni non si spengono mai e, anzi, in momenti tragici come i mesi vissuti dal commissario tecnico ti aiutano. Il pallone, così, è tornato a rotolare. Una volta accettato il ritorno sulla panchina della Nazionale, per lui con la 'N' maiuscola, è stato quasi tutto più facile. Al punto che, anche quando quel dannato tumore non se n'era andato, van Gaal se ne uscì con una promessa: "Ho un cancro alla prostata, ma al Mondiale ci vado comunque". Neanche il tempo di annunciarlo, che quel tumore non c'era più. Mesi di chemio e radioterapia avevano dato il risultato sperato: guarito. Poi, gli altri risultati, fino alla vittoria col Belgio di ieri che è valsa la Final Four e ha allungato la sua striscia vincente. Con ottimismo e piena salute verso il Qatar, van Gaal come la sua Olanda.