Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
TMW Radio

Perinetti: "Mai due Scudetti di fila dal centro Italia in giù. Vorrà dire qualcosa"

Perinetti: "Mai due Scudetti di fila dal centro Italia in giù. Vorrà dire qualcosa"TUTTO mercato WEB
domenica 18 febbraio 2024, 21:57Serie A
di Dimitri Conti
Maracanã della domenica
TMW Radio
Maracanã della domenica
Maracana della domenica con Susanna Marcellini, Carlo D'Alberto.
00:00
/
00:00

Giorgio Perinetti, dirigente in carica all'Avellino, è intervenuto a TMW Radio durante la trasmissione 'Maracanà' della domenica. Comincia commentando il pareggio del Napoli: Un risultato inaspettato è quello del Napoli che si è smarrito, fa fatica ad esprimersi. Francamente sembra che sia molto in difficoltà. Dall'altra parte in panchina il Genoa ha però un bravo allenatore come Gilardino. Adesso Osimhen tornerà e bisogna capire il perché di questa involuzione".

Sorpreso anche dal pari della Juventus a Verona?
"Il Verona venderà cara la pelle fino all'ultimo per la salvezza. Allegri è esperto ha detto parole giuste lo Scudetto è difficile ora cerca di non fare mollare la squadra per non rischiare di perdere anche il quarto posto".

L'Atalanta sta facendo bene. Si candida a tutti gli effetti per il quarto posto?
"L'Atalanta fa un calcio internazionale non è più da considerarsi una provinciale. È una società che ormai si è strutturata. Ha un gran vivaio. Una squadra matura che conosce bene Gasperini e lui conosce i suoi giocatori. Non è più una novità ma una certezza".

Un commento su Mazzarri.
Credo che De Laurentiis pensasse di poter ricostruire il Napoli dell'epoca ma oggi il calcio va veloce. Nessuna squadra dal centro in giù ha mai vinto due scudetti consecutivi e questo qualcosa vuol dire. Spalletti l ha capito e se ne andato invece i giocatori si sono sentiti troppo campioni d Italia".

Ranieri al Cagliari rischia?
Ranieri è una figura leggendaria, l anno scorso ha riportato il Cagliari in A ma non può fare miracoli. La rosa è quella che è non è la migliore possibile deve fare di necessità virtù. Io non darei colpe al mister. Giulini ha smentito la sostituzione e credo abbia fatto bene mi sembrerebbe azzardato togliere Ranieri".

Con Mourinho si doveva parlare più di calcio?
"Noi analizziamo sempre troppo delle parole in sala stampa. Poi si gioca e le parole finiscono. De Rossi sta facendo vedere che qualcosa si poteva fare di più a livello di gioco".

Chiusura su Immobile e sui 200 gol in Serie A.
"Immobile ha cominciato con me a Siena, si vedeva che avrebbe fatto cose speciali. La società gli deve ritagliare lo spazio giusto per l età che avanza. Lui è sempre stata l unica punta ora deve ritagliarsi uno spazio diverso. Non possiamo pensare che continui a fare le cose che faceva cinque anni fa".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile