Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Pogba ha finito di giocare nella Juventus. Dovuti i quattro anni di richiesta dell'Antidoping

Pogba ha finito di giocare nella Juventus. Dovuti i quattro anni di richiesta dell'AntidopingTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 7 dicembre 2023, 17:36Serie A
di Andrea Losapio

La notizia della richiesta della Procura Antidoping di quattro anni di squalifica per Paul Pogba, in realtà, è una non notizia. Perché la giustizia più o meno quasi in automatico, almeno per quanto riguarda le questioni legate all'assunzione di sostanze proibite. C'è una prima fase in cui si raccoglie la positività dell'atleta e si procede a indagare nel particolare, in base anche a quella che è la modalità e il tipo. Di fatto nella questione Pogba c'è un aggravante mica da poco: la giustizia fa differenza se la sostanza assunta è stata presa con cognizione di causa e in maniera volontaria, oppure se assorbita involontariamente.

In un incontro del mese di settembre, Pogba aveva confessato le sue colpe davanti alla dirigenza bianconera. Anche perché il testosterone è la cartina tornasole per gli anabolizzanti, sostanze per aumentare la massa muscolare e le prestazioni. Difficile anche pensare che si possano assumere involontariamente. Ed è partita da qui la Procura Antidoping: la richiesta è commisurata, appunto, al fatto che le controanalisi abbiano confermato la positività, in più che Pogba abbia scelto di prenderli. Dai due anni - di base - dell'involontarietà si passa automaticamente a quattro.

Il caso Palomino - per citare l'ultimo in ordine di tempo - era completamente diverso, tanto che il difensore ha rifiutato il patteggiamento ed è poi stato assolto (rimanendo fermo quattro mesi). Pogba invece potrebbe anche patteggiare: così dai quattro anni la pena si dimezzerà, con la possibilità che addirittura passi a 18 mesi. Si vedrà. Quello che appare praticamente certo è che il francese abbia oramai terminato il proprio rapporto con la Juventus: in caso di patteggiamento potrà ritornare nel 2025, a 32 anni, cercando un'altra squadra. Ora percepisce il minimo salariale, ma è probabile che la Juventus poi passi a una risoluzione per giusta causa (altrimenti a fine squalifica tornerebbe con lo stipendio attuale da 8 milioni).

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile