Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Andrea Scanzi: "Il Milan ha fatto il massimo, non possiamo chiedergli di più"

Andrea Scanzi: "Il Milan ha fatto il massimo, non possiamo chiedergli di più"TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 30 novembre 2022, 07:40Altre Notizie
di Redazione TMW
fonte RADIO FIRENZEVIOLA

Il noto giornalista Andrea Scanzi ha parlato a margine della presentazione del libro della compagna Sara Lucaroni

"Sempre lui, perché Mussolini non muore mai", intercettato dai microfoni di FirenzeViola.it.
Queste le sue parole proprio sul libro:
"Sono qui solo come spettatore. Perché è ancora presente questa figura nel nostro Paese? Perché penso che innanzitutto siamo un paese a maggioranza di destra, e non abbiamo fatto realmente i conti con il fascismo e abbiamo una memoria storica evanescente, la sinistra ha fallito. Con la vittoria del centrodestra le tematiche trattate da Sara Lucaroni in questo libro ritornano, e non sto dicendo che questo governo sia fascista.
Ma credo che non siano stati fatti i conti con il fascismo, qualsiasi altro paese non avrebbe mai potuto vedere una forza di destra che si richiama al fascismo al il 20%. Non abbiamo avuto la risolutezza dei nostri difetti come ha avuto al Germania".

Sul suo libro dove racconta Gaber: "L'ho intervistato la prima volta nel 1999, l'ho visto tante volte a Firenze e per me è un punto di riferimento. E' stato un amico e l'idolo di mio padre. Ho voluto scrivere questo libro perché è il ventennale della scomparsa, perché conosco la materia, e poi perché penso che sia necessario raccontare Gaber, soprattutto quello che ha fatto lui".

Passione per la musica: "Non credo che sarà l'ultimo libro sulla musica. Il prossimo penso che sarà De André. Io vengo dalla musica e lo sport, anche se poi la politica è diventata il mio lavoro".

Infine sulla sua passione calcistica, il MILAN
"Non mi aspettavo di più. Mi aspettavo di più dall'Inter e dalla Juventus, non dal Milan che non è la squadra più forte. Ho sbagliato sul Napoli, non mi aspettavo che fosse così forte. Abbiamo 1/2 punti in meno dell'anno scorso, ci manca il punto nello scontro diretto col Napoli e i due punti con la Cremonese. Non imputo niente a Pioli perché abbiamo i punti che ci meritiamo, abbiamo sbagliato ad oggi la campagna acquisti a partire da De Ketelaere. Il Napoli li ha individuati tutti, teoricamente c'è ancora margine perché i punti si possono recuperare. Mi sembra ovviamente favorito il Napoli, mi aspettavo un recupero della Juventus ma non so come potrà reagire dopo questo terremoto societario. Anche l'Inter romperà le scatole, quindi non dico che firmerei per un secondo posto, ma se il Milan dovesse finire secondo sarei tutto sommato contento".