Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw radio

Scienza: "Che gol mio figlio Michele con la Juve, ha più personalità di me"

TMW RADIO - Scienza: "Che gol mio figlio Michele con la Juve, ha più personalità di me"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Jacopo Duranti/tuttolegapro.com
mercoledì 7 dicembre 2022, 07:25Altre Notizie
di TMWRadio Redazione

Il tecnico Giuseppe Scienza a TMW Radio, durante Maracanà, ha commentato le prestazioni di Michele Scienza, suo figlio, che ha fatto un gran gol con la Juve nel settore giovanile: 
"Ha fatto un bel gol, durante una sfida molto combattuta. La Juve ha vinto poi, sono contento. Se giochi con la 10 devi fare gol così, è una maglia pesante e va onorata così. A 16 anni sono ancora lontani dall'essere formati, è un approccio diverso rispetto all'estero. La strada è ancora lunga, quanti giocatori sono arrivati verso la Primavera e poi sono spariti? Lui ha vissuto indirettamente la mia carriera da giocatore e sa che variabili ci sono. Lui è molto tranquillo, è un ragazzo che rispetto a me ha grande personalità ed autocontrollo. Non ha giocato diverse partite ma la vive bene, ammette quando non si allena bene".

Che ne pensa del comportamento di ragazzi e famiglie fin da giovani?
"Abbiamo creato una cultura dell'alibi. Se uno non va bene a scuola è sciocca la prof e così via. Dobbiamo dargli stimoli, non dobbiamo dargli ragione nel lamentarsi. Stiamo fallendo qualcosa. Mi chiamano mamme, io che alleno nelle giovanili, perché vogliono portare via i figli perché non giocano abbastanza a 9 anni. Io sto cercando di far capire che lo spogliatoio è la prima cosa che si deve rispettare. Come etica sportiva siamo davvero indietro".